Annunci
Banner Estra

Tre ragazzi arrestati al termine di un’indagine della squadra mobile di Massa, scattata durante le feste di Natale per l’aggressione a un minorenne. L’accusa è di tentato omicidio ai danni di un coetaneo. Due degli arrestati sono minorenni mentre il terzo ragazzo è appena maggiorenne. Insieme, hanno dato appuntamento alla vittima in un parco, poco prima di Natale. I fatti si sono svolti sotto l’occhio delle telecamere di videosorveglianza. Una volta soli con il coetaneo, lo hanno picchiato, minacciato e colpito alla gola con un temperino. Da qui l’accusa di tentato omicidio. Due degli arrestati sono adesso ai domiciliari mentre il terzo componente della baby gang è stato associato al carcere minorile di Torino.

In particolare, l’aggressione è avvenuta in un parco nel centro di Marina di Massa, pare in seguito a un incontro chiarificatore dopo un presunto screzio, da parte della vittima, per futili motivi. Anziché volersi chiarire, però, gli aggressori hanno dimostrato subito di voler punire il malcapitato coetaneo, cominciando subito a pestarlo.
Secondo quanto trapelato, la scena ripresa dalle telecamere – installate da un esercizio commerciale della zona – dimostra che il pestaggio e l’aggressione con la lama puntata alla gola potevano sfociare in un omicidio che soltanto il caso ha evitato.
Colpito con schiaffi e pugni, poi con calci, infine con la lama del temperino, la vittima è stata abbandonata sul posto quasi priva di sensi. Il ragazzo, da solo, è riuscito ad avvertire i genitori che lo hanno portato in ospedale. Dal pronto soccorso, infine, i medici hanno avvertito la polizia che ha condotto le indagini culminate nei tre arresti.