Rifò: da Prato a Pitti Uomo la prima collezione di abiti rigenerati

Premio letterario Raccontami una storia

Moda ecosostenibile da Prato alla ribalta di Pitti Immagine Uomo. Il giovane brand Rifò debutta alla fiera fiorentina e presenta una collezione di abiti interamente rigenerati, la prima, per un’edizione della kermesse all’insegna della sostenibilità e dell’attenzione all’ambiente.

Tra le novità green dei grandi nomi del fashion internazionale, trovano spazio a Pitti Uomo anche i maglioni, gli accessori e, soprattutto, i giubbotti in lana rigenerata protagonisti della collezione autunno-inverno 2019/2020 di Rifò, che si conferma in questo modo una delle più interessanti novità Made In Italy in tema di eco-sostenibilità.

Nato con l’obiettivo di proporre un modello alternativo di moda sostenibile, capace di proporre un prodotto tessile di alta qualità e 100% made in Italy che, al contempo, riducesse gli sprechi, il progetto imprenditoriale di Rifò è un brillante esempio di come la tradizione possa mettersi al servizio del nuovo: tutti i capi Rifò sono realizzati integralmente nel distretto tessile di Prato e prodotti con il metodo artigianale a calata, una speciale tipologia di produzione che garantisce risultati di pregio e minimo scarto di materiale, perché permette di cucire i capi senza alcun genere di taglio.

«Partecipare a una manifestazione come Pitti Uomo è un grande traguardo: è una vetrina di grande prestigio per il brand, ma è anche il riconoscimento del fatto che il tema della sostenibilità è attuale, importante e più che mai concreto; la presenza di un brand 100% green come Rifò al Pitti testimonia che, al di là delle intenzioni, un modello alternativo per l’industria è possibile, da ogni punto di vista, compreso quello di business», dice Niccolò Cipriani, amministratore delegato di Rifò.
«Secondo alcune stime, l’industria della moda spreca globalmente circa un camion di tessuti al secondo – prosegue – Con Rifò proponiamo un modello di economia circolare che ha un respiro internazionale nella raccolta delle materie prime seconde e una dimensione territoriale e artigianale dal punto di vista della produzione: le fibre che utilizziamo per produrre i nostri abiti provengono da Europa, Stati Uniti e Canada, mentre la sfilacciatura e la rifilatura vengono realizzate a Prato, praticamente a chilometri zero».

La collezione autunno-inverno 2019/2020 di Rifò sarà in esposizione a Firenze, alla Fortezza da Basso, durante tutta la durata di Pitti Uomo 95, da martedì 8 gennaio a venerdì 11 gennaio: Rifò sarà presente nel padiglione My Factory, (ex Lyceum), insieme ad altri giovani brand internazionali, in uno spazio dedicato alle espressioni creative e innovative della cultura metropolitana e ai più vivaci laboratori del settore urban e sportswear.