piccolo 3676 ©musacchio, ianniello & pasqualini

Chiuso il Festival con grandi numeri ed ottime critiche, riprende la programmazione della rassegna del Centro Pecci Books con tre incontri da non perdere.

Tre appuntamenti in esclusiva, tre novità editoriali, tutte datate 2023 – anzi due su tre arriveranno in libreria a fine ottobre – tra narrazione, ricerca e arte.

Si comincia Sabato 21 ottobre alle h.18.00, nella Sala Cinema del Centro Pecci (e non poteva essere altrimenti) con Francesco Piccolo e La bella confusione (Einaudi 2023) in dialogo con Giovanni Bogani (critico cinematografico La Nazione). L’autore, insieme a Pif (con cui è protagonista del film Momenti di trascurabile felicità diretto da Daniele Luchetti e scritto dallo stesso Piccolo), nella stessa serata (ore 21) sarà in scena con lo spettacolo al teatro Politeama Pratese.

La storia del cinema non è poi così diversa dalla vita: apparentemente lineare, ma costellata di incontri fortuiti, appuntamenti rincorsi o mancati, decisioni prese all’ultimo minuto e imprevedibili coincidenze. Fatalità cruciali che permettono a un’opera di venire alla luce, con le precise caratteristiche che poi tutti ricorderanno. La scelta di un’attrice, la luce sul set, le vicissitudini sentimentali del regista o di un comprimario – così come i tagli nel budget o una scena cambiata all’improvviso – possono scrivere a modo loro una pagina del genio universale. Il 1963 è stato l’anno di Federico Fellini e di Luchino Visconti. Un anno decisivo per il cinema italiano, che ha visto la nascita di Otto e mezzo e Il Gattopardo. Ma prima di diventare i capolavori che ben sappiamo, erano due incredibili scommesse, nonché il campo di battaglia tra due artisti rivali e profondamente diversi: mentre Claudia Cardinale cambiava il colore dei capelli secondo il capriccio di chi la dirigeva, l’intero contesto culturale italiano si stava preparando a sposare l’una o l’altra visione del cinema e del mondo. Ecco cos’è La bella confusione: inseguendo come un detective le figure e gli episodi che hanno fatto la Storia, Francesco Piccolo ha setacciato lettere, filmati, appunti e diari, interviste, pettegolezzi, testimonianze. Perché in questo romanzo, diverso da qualsiasi altro romanzo, i personaggi si chiamano Marcello Mastroianni, Ennio Flaiano, Sandra Milo, Tomasi di Lampedusa, Camilla Cederna, Suso Cecchi d’Amico, Burt Lancaster e Pier Paolo Pasolini. Muovendosi tra il mito e l’aneddoto, la voce inconfondibile dell’autore di Il desiderio di essere come tutti risveglia milioni di ricordi e ci regala la luce perduta di un’epoca. Un documentario fatto di parole: la potenza dell’arte, i segreti del cinema, i duelli di un’Italia che non sapremmo più immaginare.

Francesco Piccolo (1964) è scrittore e autore e sceneggiatore cinematografico, teatrale e televisivo: è ancora nelle sale il suo documentario, scritto e diretto con Annalena Benini, Le mie poesie non salveranno il mondo, un ritratto intimo, ironico e libero della poetessa Patrizia Cavalli, scomparsa poco più di un anno fa. Tra i suoi ultimi libri ricordiamo: La separazione del maschio (appena rieditato in versione graphic novel da Fumettibrutti), Momenti di trascurabile felicitàIl desiderio di essere come tutti (Premio Strega 2014), Momenti di trascurabile infelicità e L’animale che mi porto dentro (presentato a Centro Pecci Books nel febbraio 2019). Ha firmato, tra le altre, sceneggiature per Nanni Moretti (Il Caimano, Habemus Papam, Mia madre), Paolo Virzì (My name is Tanino, La prima cosa bella, Il capitale umano, Ella & John – The Leisure Seeker, Notti magiche), Francesca Archibugi (Il nome del figlio, Gli Sdraiati), Silvio Soldini (Agata e la tempesta, Giorni e nuvole) oltre che per Marco Bellocchio e Daniele Luchetti. Ha sceneggiato la serie tv L’amica geniale, tratta dall’omonimo best seller di Elena Ferrante e La vita bugiarda degli adulti. È stato autore di molti programmi televisivi come: Vieni via con me, Quello che (non) ho, Viva il 25 aprile e Falcone e Borsellino. Collabora con la Repubblica.

I prossimi appuntamenti di Centro Pecci Books:

  • Giovedì 23 novembre h.18.30 – Jacopo VenezianiLa grande Parigi 1900-1920 – Il periodo d’oro dell’arte moderna (Feltrinelli, ottobre 2023) in dialogo con Stefano Collicelli Cagol (Direttore Centro per l’arte contemporanea “Luigi Pecci”);
  • Giovedì 30 Novembre h.18.30 – Enrica TesioI sorrisi non fanno rumore (Bompiani, ottobre 2023) in dialogo con Laura Montanari (giornalista La Repubblica).
cover la bella confusione 1