Se nell’emergenza coronavirus è importante usare la mascherina per proteggersi quando si è in situazioni a rischio, bisogna però fare molta attenzione a gestire bene questi dispositivi.

A metterlo in grande evidenza, intervistato dall’Adnkronos, è il chimico del Cnr, Matteo Guidotti dello Scitec Cnr.

Pubblicità

«Le mascherine nascono come dispositivi usa e getta ma in questa circostanza è complesso consumarne tropp. Ciò che va fatto è non introdurla in casa quando si rientra dall’esterno, maneggiarla con prudenza, non poggiarla su tavoli o superfici», sottolinea il chimico dell’Istituto di scienze e tecnologie chimiche Scitec-Cnr di Milano. 

«All’esterno della mascherina – spiega Guidotti – sono infatti filtrati, trattenuti i patogeni che non andrebbero ovviamente portati nell’abitazione o negli uffici. Andrebbero quindi lasciate all’esterno, come le scarpe».