- Pubblicità -Estra bilancio socialeEstra bilancio socialeEstra bilancio sociale

Costumi da bagno e moda underwear. Maredamare torna in presenza

Leggi

Maredamare, il beachwear riparte da Firenze

Oltre 150 collezioni estate 2022 presentate in presenza a...

Tonno, alici e sgombro si vestono di verde con l’energia pulta

Rizzoli Emanuelli sempre più amica dell’ambiente. Il contributo alla...

Moto e cinema, si chiude il festival

Concluso a Cinecittà World il grande evento "custom" dedicato...

Inventa una ricetta nel solco di Artusi e vinci 1000 euro

Forlimpopoli, città di Pellegrino Artusi, indice il Premio Marietta,...

Share

Maredamare, il salone internazionale dedicato al beachwear e agli accessori si terrà in Fortezza da Basso, a Firenze, dal 24 al 26 luglio. Tra le prime fiere a ripartire in forma tradizionale, la prima del comparto, si apre al mondo dell’underwear e della corsetteria e si presenta ricca di novità a partire dal suo vestito pop multivitaminico ed energizzante che svela il vero animo della manifestazione.

«Le nuove disposizioni del Governo – sottolinea Alessandro Legnaioli, presidente del salone – ci consentono di ripartire. E lo faremo con una nuova forza. I video meeting fatti in quest’ultimo mese con aziende e negozi, hanno rivelato che espositori e visitatori non vedono l’ora di rincontrarsi, di riprendere le vecchie e piacevoli abitudini. Aggiungiamoci anche che la nostra fiera, così come è pensata, ha una vocazione ironica, aggregante e mai autoreferenziale e non è difficile comprendere quanto sia mancata agli operatori del settore. Chiaramente ripartiremo in presenza ma seguendo al dettaglio uno scrupoloso disciplinare, quello ufficiale, al quale abbiamo noi stessi stretto ancor più le maglie proprio perché l’obiettivo vero è quello di entrare in fiera rilassati».

Teaser Maredamare

Sanificazione degli spazi, fornitura di DPI, controlli sanitari in ingresso che prevederanno anche screening con tamponi antigenici rapidi gratuiti su base volontaria per tutti, consigliati per gli espositori e i lavoratori della fiera per citare solo alcune delle misure che saranno introdotte. A disposizione degli espositori, maggiori spazi e showroom aziendali per aumentare privacy e distanziamento.

Ospitalità gratuita offerta a una selezione di circa 300 negozi del comparto e confermati, garantendo i protocolli di sicurezza, gli eventi serali che da sempre sono motore di incontri con i buyer.
La fiera in loco sarà integrata e supportata da HUB, una piattaforma digitale strutturata che agevolerà il contatto tra buyer ed espositori e favorirà la visibilità delle collezioni per tutta la campagna vendite.

Articolo precedenteRacconto di Andrea Borci
Articolo successivoNasce la Gestapo