12.9 C
Firenze
11/04/2022
720x70 estra banner

Firmato negli USA il Civil Rights Act

L’11 aprile 1968 il presidente statunitense Lyndon Johnson firma il Civil Rights Act (Legge sui Diritti Civili), una storica legislazione sui diritti civili che pone legalmente fine alla segregazione razziale negli Stati Uniti.

Il Civil Rights Act del 1866 aveva dichiarato che tutte le persone nate negli Stati Uniti sono legalmente cittadini e che quindi possono affittare, detenere, vendere e acquistare proprietà. Aveva lo scopo di aiutare gli ex schiavi e coloro che si rifiutavano di concedere i nuovi diritti agli ex schiavi erano colpevoli e punibili ai sensi della legge. La pena era una multa di $ 1000 o un massimo di un anno di carcere. La legge del 1866 non prevedeva alcun mezzo per far rispettare le disposizioni, le quali furono rese di fatto nulle dalle varie leggi segregazioniste, chiamate anche leggi Jim Crow, che gli stati del sud degli Stati uniti adottarono negli anni successivi alla Ricostruzione nella seconda metà dell’800′.

Un impulso per l’approvazione di una nuova legge sui diritti civili è venuto dal Chicago Open Housing Movement del 1966. Influente fu il Rumford Fair Housing Act del 1963 in California, che era stato sostenuto dalla NAACP e dal CORE. e le campagne di edilizia equa di Milwaukee del 1967 guidate da James Groppi e dal NAACP Youth Council. Il senatore Walter Mondale ha sostenuto il disegno di legge al Congresso, ma ha osservato che negli anni successivi, un disegno di legge federale sull’edilizia equa è stata la legislazione più ostruzionista nella storia degli Stati Uniti. Fu osteggiato dalla maggior parte dei senatori del Nord e del Sud, nonché dalla National Association of Real Estate Boards. Un “Civil Rights Act del 1966” proposto è crollato completamente a causa della sua fornitura di alloggi equi. Mondale ha commentato:

Molte [precedenti] leggi sui diritti civili riguardavano il far comportare il Sud e prendere i denti da George Wallace…. Questo è successo nei quartieri di tutto il paese. Questi erano i diritti civili che diventavano personali

Due sviluppi hanno rilanciato il disegno di legge. Il rapporto della Commissione Kerner sulle rivolte razziali del 1967 raccomandava vivamente “una legge federale sull’alloggio aperto, completo e applicabile“, ed era regolarmente citato dai membri del Congresso che sostenevano la legislazione. La svolta finale arrivò all’indomani dell’assassinio del 4 aprile 1968 di Martin Luther King, Jr., e dei disordini civili in tutto il paese dopo la morte di King. Il 5 aprile, Johnson ha scritto una lettera alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti sollecitando l’approvazione del Fair Housing Act. Il Comitato per le Regole, “scosso dai ripetuti disordini civili praticamente fuori dalla sua porta“, ha finalmente concluso le sue udienze l’8 aprile. Con la nuova urgente attenzione del direttore legislativo Joseph Califano e del presidente democratico della Camera John McCormack, il disegno di legge (che era stato precedentemente bloccato) è passato alla Camera con ampio margine il 10 aprile.

La legge, con il nome H.R.2516 è stata quindi approvata dal 90 ° Congresso degli Stati Uniti e firmata dal 36 ° Presidente degli Stati Uniti, Lyndon B. Johnson l’11 aprile 1968.

La legge era composta da varie parti/articoli, chiamate titoli.

I titoli dal II al VII comprendono l’Indian Civil Rights Act, che si applica alle tribù dei nativi americani degli Stati Uniti e rende molte, ma non tutte, le garanzie della Carta dei diritti degli Stati Uniti applicabili all’interno delle tribù. (tale legge compare oggi nel titolo 25, sezioni da 1301 a 1303 del codice degli Stati Uniti).

I titoli dall’VIII al IX sono comunemente noti come Fair Housing Act, inteso come seguito al Civil Rights Act del 1964 (si tratta di una legislazione diversa dall’Housing and Urban Development Act del 1968, che ampliava i programmi di finanziamento degli alloggi). Sebbene il Civil Rights Act del 1866 proibisse la discriminazione negli alloggi, non c’erano disposizioni federali di applicazione. La legge del 1968 ampliava gli atti precedenti e proibiva la discriminazione in materia di vendita, affitto e finanziamento di alloggi in base a razza, religione, origine nazionale e, dal 1974, sesso. Dal 1988 la legge tutela le persone con disabilità e le famiglie con bambini. Le donne incinte sono anche protette dalla discriminazione illegale perché hanno ottenuto lo status di famiglia con il loro bambino non ancora nato che è l’altro membro della famiglia. Le vittime di discriminazione possono utilizzare sia la legge del 1968 che la sezione 1983 della legge del 1866 per chiedere un risarcimento. La legge del 1968 prevede soluzioni federali mentre la legge del 1866 prevede soluzioni private (cioè cause civili). L’atto ha anche reso un crimine federale “con la forza o con la minaccia di forza, ferire, intimidire o interferire con qualcuno … in ragione della loro razza, colore, religione o origine nazionale, handicap o stato familiare“.

Il titolo X, comunemente noto come legge anti-sommossa, rende un crimine “viaggiare nel commercio interstatale … con l’intento di incitare, promuovere, incoraggiare, partecipare e portare avanti una rivolta“. Tale disposizione è stata criticata per “aver equiparato la protesta politica organizzata alla violenza organizzata

Immagine d’apertura: il presidente Johnson mentre firma il Civil Rights Act del 1968

Bibliografia e altre fonti

Articles