Gli appuntamenti dell’ORT a Maggio 2023

Finale di Stagione per l’ORT con le due ultime produzioni in cartellone: protagonisti Vincenzo Milletarì, Alessandro Carbonare e Andrea Battistoni.
Si aggiungono due programmi ad hoc in regione per Siena e Carrara, e gli Ottoni dell’ORT a Porcari per FTS.

Gran finale di stagione nel mese di maggio con due nuove produzioni che vedono sul palco artisti italiani di fama internazionale.

A inizio mese – il 4 maggio al Teatro Verdi di Firenze e il 6 al Teatro Garibaldi di Figline – troviamo il pugliese Vincenzo Milletarì (classe 1990), direttore che richiama sempre più attenzione in Italia e nel Nord Europa, per il repertorio sinfonico e per l’opera italiana approfondita da studente dell’accademia ravennate di Riccardo Muti. Per il suo ritorno all’ORT, dopo il debutto nell’estate 2021, si trova accanto Alessandro Carbonare, primo clarinetto dell’Orchestra Nazionale dell’Accademia di S. Cecilia. Il programma si apre con A coda di rondine, composizione commissionata dalla Fondazione ORT e i Pomeriggi Musicali al compositore milanese Filippo Del Corno, allievo di Azio Corghi e Danilo Lorenzini, docente in conservatorio. Carbonare, poi, è protagonista del Concerto op.73 di Carl Maria von Weber. In programma anche due pagine strumentali tratte dall’opera Arianna a Nasso di Richard Strauss (1916) e la Sinfonia K.504 di Mozart, detta Praga in omaggio alla città per cui fu composta.

Per l’ultimo appuntamento di stagione, una sola data a Firenze il 23 maggio, ci sarà un direttore da record: il veronese Andrea Battistoni, il più giovane mai scritturato dalla Scala. Era il 2012 e lui aveva venticinque anni. Proprio allora usciva per Rizzoli il suo libro Non è musica per vecchi in cui ribadiva l’assoluta attualità della musica classica. Adesso è un’autorità in Giappone, dove guida la Filarmonica di Tokyo. All’ORT torna dopo un anno con un programma a tema schubertiano che è anche un tributo, nel ventennale della scomparsa, a Luciano Berio, uno dei padri fondatori di questa orchestra, con il suo Rendering (1989-90).

L’orchestra è poi impegnata fuori stagione con produzioni ad hoc. La prima a Siena, il 12 maggio, con il concerto conclusivo della Micat In Vertice 2022/23 che vedrà sul palco del Teatro dei Rinnovati, il ritorno di Francesca Dego, una delle migliori e affermate violiniste della nuova generazione, allieva dell’Accademia Chigiana, diretta da Jordan De Souza, tra i direttori emergenti più promettenti ed esuberanti dopo essersi distinto sulla scena musicale berlinese. La seconda produzione extra stagione è in programma il 26 maggio al Teatro degli Animosi di Carrara. Sul podio dell’ORT il carrarese Bruno Nicoli, pianista, compositore e direttore d’orchestra, che da sempre si è occupato di opera lirica: è stato maestro di palcoscenico e sala, suggeritore, direttore di coro e direttore d’orchestra per vari teatri e istituzioni musicali in Italia e all’estero. In programma la Settima Sinfonia di Beethoven e le più famose ouverture e intermezzi dalle opere di Rossini, Verdi, Mascagni e Puccini.

Per Fondazione Toscana Spettacolo nel calendario si aggiunge il concerto a Porcari (LU) il 13 maggio con Gli Ottoni dell’ORT in Jazz Sebastian B(ach)rass. Un viaggio ironicoattraverso le letture e la musica del più grande compositore di tutti i tempi: Johann Sebastian Bach. Musiche arrangiate in stile jazz si alternano a letture in un gioco di rimandi tra i musicisti dell’ORT e la voce di Isabella Brogi.