21.2 C
Firenze
15/06/2022
banner scelta green 300x250

La prima trasfusione di sangue: da pecora a uomo

Il 15 giugno 1667 viene eseguita la prima trasfusione di sangue in epoca moderna di cui si abbia notizia certa, eseguita a Parigi, da Jean-Baptiste Denys, medico di Luigi XIV, professore dell’Università di Parigi, che realizzò una trasfusione di sangue dall’animale all’uomo.

Le prime trasfusioni di sangue di successo riportate furono eseguite dagli Incas già nel 1500. I conquistadores spagnoli furono testimoni di trasfusioni di sangue quando arrivarono nel XVI secolo. La prevalenza del sangue di tipo O tra gli indigeni della regione andina significava che tali procedure avrebbero comportato un rischio inferiore rispetto ai tentativi di trasfusione di sangue tra le popolazioni con gruppi sanguigni incompatibili, che hanno contribuito al fallimento dei primi tentativi in Europa.

Richard Lower, pioniere della trasfusione di sangue alla Royal Society nel XVII secolo

Lavorando alla Royal Society nel 1660, il medico britannico Richard Lower iniziò a esaminare gli effetti dei cambiamenti nel volume del sangue sulla funzione circolatoria e sviluppò metodi per lo studio della circolazione incrociata negli animali, evitando la coagulazione da connessioni arterovenose chiuse. I nuovi strumenti che è stato in grado di ideare gli hanno consentito di eseguire la prima trasfusione di sangue di successo documentata in modo affidabile di fronte ai suoi illustri colleghi della Royal Society.

Lower aveva eseguito la prima trasfusione di sangue tra animali. Fu quindi “richiesto dall’Onorevole [Robert] Boyle … di informare la Royal Society della procedura per l’intero esperimento“, cosa che fece nel dicembre 1665 nelle Transazioni filosofiche della Società.

Jean-Baptiste Denys nel 1635 circa

La prima trasfusione di sangue da animale a umano fu somministrata dal dottor Jean-Baptiste Denys, eminente medico del re di Francia Luigi XIV, il 15 giugno 1667. Ha trasfuso il sangue di una pecora in un ragazzo di 15 anni, che è sopravvissuto alla trasfusione. Denys ha eseguito un’altra trasfusione in un operaio, che è sopravvissuto. In entrambi i casi i soggetti sono sopravvissuti probabilmente a causa della piccola quantità di sangue che è stata effettivamente trasfusa in queste persone. Ciò ha permesso loro di resistere alla reazione allergica.

Lower ha continuato a sperimentare nuovi dispositivi per il controllo preciso del flusso sanguigno e la trasfusione di sangue; i suoi progetti erano sostanzialmente gli stessi delle siringhe e dei cateteri moderni.

La scienza vera e propria riguardante la trasfusione di sangue risale al primo decennio del XX secolo, con la scoperta dei gruppi sanguigni distinti che portarono alla pratica di mescolare un po’ di sangue dal donatore e dal ricevente prima della trasfusione.

James Blundell, eseguì con successo la prima trasfusione di sangue umano nel 1818

All’inizio del XIX secolo, l’ostetrico britannico Dr. James Blundell si sforzò di curare l’emorragia mediante trasfusione di sangue umano usando una siringa. Nel 1818, in seguito a esperimenti con animali, eseguì con successo la prima trasfusione di sangue umano per curare l’emorragia postpartum. Blundell ha usato il marito della paziente come donatore ed ha estratto quattro once di sangue dal suo braccio per trasfonderle in sua moglie. Durante gli anni 1825 e 1830, Blundell eseguì 10 trasfusioni, di cui cinque benefiche, e pubblicò i suoi risultati. Blundell ha anche inventato una serie di strumenti per la trasfusione di sangue. Ha fatto una notevole quantità di denaro da questo sforzo, circa $ 2 milioni ($ 50 milioni di dollari reali).

Nel 1840, alla St George’s Hospital Medical School di Londra, Samuel Armstrong Lane, aiutato dal dottor Blundell, eseguì con successo la prima trasfusione di sangue intero per curare l’emofilia.

Tuttavia, le prime trasfusioni erano rischiose e molte hanno provocato la morte del paziente. Alla fine del XIX secolo, la trasfusione di sangue era considerata una procedura rischiosa e dubbia ed era ampiamente evitata dall’establishment medico.

Il lavoro per emulare James Blundell è continuato a Edimburgo. Nel 1845 l’Edinburgh Journal descrisse la riuscita trasfusione di sangue a una donna con grave sanguinamento uterino. Le successive trasfusioni hanno avuto successo con i pazienti del professor James Young Simpson, al quale è stato intitolato il Simpson Memorial Maternity Pavilion di Edimburgo.

Verso la fine del XIX secolo emersero vari resoconti isolati di trasfusioni riuscite. La più grande serie di prime trasfusioni di successo ebbe luogo presso l’Edinburgh Royal Infirmary tra il 1885 e il 1892. Edimburgo in seguito divenne la sede dei primi servizi di donazione e trasfusione di sangue.

Solo nel 1901, quando l’austriaco Karl Landsteiner scoprì tre gruppi sanguigni umani (O, A e B), la trasfusione di sangue ottenne una base scientifica e divenne più sicura.

Landsteiner scoprì che gli effetti negativi derivavano dalla miscelazione del sangue di due individui incompatibili. Egli scoprì infatti che mescolare tipi incompatibili innesca una risposta immunitaria e i globuli rossi si accumulano. La reazione immunologica si verifica quando il destinatario di una trasfusione di sangue ha anticorpi contro le cellule del sangue del donatore. La distruzione dei globuli rossi rilascia emoglobina libera nel flusso sanguigno, che può avere conseguenze fatali. Il lavoro di Landsteiner ha consentito di determinare il gruppo sanguigno e ha permesso che le trasfusioni di sangue avessero luogo in modo molto più sicuro. Per la sua scoperta vinse il Premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina nel 1930; da allora sono stati scoperti molti altri gruppi sanguigni.

George Washington Crile è accreditato per aver eseguito il primo intervento chirurgico utilizzando una trasfusione di sangue diretta nel 1906 al St. Alexis Hospital di Cleveland mentre era professore di chirurgia alla Case Western Reserve University.

Immagine d’apertura: prima trasfusione di sangue da pecora a uomo in una raffigurazione del 1705 opera di Matthias Gottfried Purmann

Bibliografia e fonti varie