L’aerodinamica del bombo

Premio letterario Raccontami una storia

L’odore di cloro riempiva le narici di Bruno mentre finiva di stirarsi a bordo piscina. Le urla e le risate dei compagni di corso rimbombavano nell’ambiente umido. Bruno stava in silenzio, come sempre, respirando e flettendo i muscoli. Di tanto in tanto sbirciava verso il gruppo delle ragazze della squadra femminile, verso Alice, circondata dalle amiche ridacchianti come una regina dalle sue ancelle. Una gomitata di Luigi nel fianco lo riscosse dall’ultima occhiata.

«Guarda quello» disse soltanto l’amico alla sua occhiata interrogativa.

Dalla porta socchiusa arrivava un ragazzo che non aveva mai visto prima. Era grosso – non c’era altra definizione per quel fisico abbondante e torreggiante – e avanzava piano sul pavimento bagnaticcio, fissandosi le ciabatte di gomma nera. Indossava già la cuffia, una cuffietta blu che faceva sembrare la sua testa piccolissima in confronto alle spalle e al ventre prorompenti. Davanti a lui una donna dai lunghi capelli biondi camminava sbrigativa verso Santo. L’allenatore in

Continua a leggere su: https://www.eccocistore.it/premio/laerodinamica-del-bombo/

Miriam Lacerenza