Amanti del teatro goldoniano a rapporto: questo fine settimana, per chi non teme le rivisitazioni dei classici in chiave moderna, è in programma al teatro Manzoni di Pistoia un appuntamento da non perdere. Da venerdì 20 a domenica 22 gennaio, in prima regionale, andrà in scena Locandiera B&B, adattamento dell’opera di Carlo Goldoni firmato da Edoardo Erba.
Lo spettacolo sarà diretto dal regista cinematografico e teatrale Roberto Andò. Nel cast Laura Morante, che recita a Pistoia per la prima volta, insieme a Giulia Andò, Bruno Armando, Eugenia Costantini, Vincenzo Ferrera, Danilo Nigrelli e Roberto Salemi. La rappresentazione è prodotta dal Nuovo Teatro diretto da Marco Balsamo, in coproduzione con Fondazione Teatro della Toscana.

La variante di Edoardo Erba è ambientata in un’antica villa che sta per essere trasformata in albergo. Qui Mira viene coinvolta in una misteriosa cena organizzata dal marito con alcuni ambigui uomini d’affari. Quando lui non si presenta, tocca alla donna gestire un situazione di cui non afferra contesto e finalità. Il contabile della società, suo unico punto di riferimento, se ne va a metà della cena senza dare spiegazioni, lasciandola in balia degli ospiti.
Fa il suo ingresso uno sconosciuto, che le chiede una stanza per riposare: tra i due sembra scattare una certa attrazione. Mira si appoggia a lui per affrontare una situazione al limite del lecito, mentre vengono alla luce inquietanti crepe nelle attività del marito assente.
Nel corso della notte il gioco si fa inesorabilmente più pericoloso: qual è il ruolo che Mira ricopre nel suo svolgimento?

Per la rassegna Il teatro si racconta, sabato 21 gennaio alle 17.30, nell’auditorium Terzani della biblioteca San Giorgio, la compagnia teatrale che porta in scena Locandiera B&B incontrerà il pubblico. L’evento sarà moderato da Gabriele Rizza, giornalista e critico di teatro.
Le prevendite possono essere acquistate presso la biglietteria del teatro Manzoni (0573 991609 / 27112) oppure  online su www.teatridipistoia.it e www.boxol.it.

Fotografia: Fiorenzo Niccoli

Annalisa Sichi