Il 18 settembre 1851 esce il primo numero del New York Times, nuovo giornale che diventerà una delle più celebri testate giornalistiche al mondo, noto anche come Grey Lady, la Signora in grigio.

Parte superiore della prima pagina del primo numero del New York Times

Il New York Times fu fondato come New York Daily Times il 18 settembre 1851. Fondato dal giornalista e politico Henry Jarvis Raymond e dall’ex banchiere George Jones, il Times fu inizialmente pubblicato da Raymond, Jones & Company.

I primi investitori nella società includevano Edwin B. Morgan, Christopher Morgan, e Edward B. Wesley. Venduta per un penny, l’edizione inaugurale ha tentato di rispondere a varie speculazioni sul suo scopo e a istanze che hanno preceduto la sua pubblicazione:

Saremo conservatori, in tutti i casi in cui riteniamo che il conservatorismo sia essenziale per il bene pubblico, e saremo radicali in tutto ciò che ci può sembrare richiedere un trattamento radicale e una riforma radicale. Non crediamo che tutto nella società sia esattamente giusto o esattamente sbagliato; – ciò che è buono lo desideriamo preservare e migliorare; – ciò che è male, sterminare o riformare.

Nel 1852, il giornale avvia una divisione occidentale, The Times of California, che arrivava ogni volta che una nave postale da New York attraccava in California. Tuttavia, lo sforzo fallì una volta che i giornali locali della California vennero alla ribalta. Il 14 settembre 1857, il giornale abbrevia ufficialmente il suo nome in The New-York Times. Il trattino nel nome della città fu eliminato il primo dicembre 1896. Il 21 aprile 1861, il New York Times iniziò a pubblicare un’edizione domenicale per offrire una copertura quotidiana della guerra civile.

Nel 1869 Henry Raymond morì e George Jones subentrò come editore. L’influenza del giornale crebbe nel 1870 e nel 1871, quando pubblicò una serie di esposizioni su William Tweed, leader del Partito Democratico della città – popolarmente noto come “Tammany Hall” (dal suo quartier generale all’inizio del XIX secolo) – che portò al fine del dominio del Tweed Ring sul municipio di New York. Tweed aveva offerto al New York Times cinque milioni di dollari (equivalenti a 107 milioni di dollari nel 2019) per non pubblicare la storia.

Negli anni 1880‘, il New York Times passò gradualmente dal sostegno ai candidati del Partito Repubblicano nei suoi editoriali a diventare più politicamente indipendente e analitico. Nel 1884, il giornale sostenne il democratico Grover Cleveland (ex sindaco di Buffalo e governatore di New York) nella sua prima campagna presidenziale. Mentre questa mossa è costata al New York Times una parte dei suoi lettori tra i suoi lettori più progressisti e repubblicani (le entrate sono diminuite da $ 188.000 a $ 56.000 dal 1883-1884), il giornale alla fine ha riguadagnato la maggior parte del terreno perduto nel giro di pochi anni.

Dopo la morte di George Jones nel 1891, Charles Ransom Miller e altri editori del New York Times spesero $ 1 milione (equivalente a $ 28 milioni nel 2019) per acquistare il Times, stampandolo per conto della New York Times Publishing Company. Tuttavia, il giornale si trovò in una crisi finanziaria a causa del panico del 1893 e nel 1896 il giornale aveva una tiratura inferiore a 9.000 e stava perdendo $ 1.000 al giorno. Quell’anno, Adolph Ochs, l’editore del Chattanooga Times, ottenne una partecipazione di controllo nella società per 75.000 dollari.

The Times Square Building, sede del New York Times tra il 1913 e il 2007

Poco dopo aver assunto il controllo del giornale, Ochs ha coniato lo slogan del giornaleAll the news that’s fit to print” (“Tutte le notizie che valga la pena stampare“) che poi sarà riadattato nell’età digitale in “All the news that’s it to click” (“Tutte le notizie che valga la pena cliccare“). Lo slogan è apparso sul giornale dal settembre 1896 ed è stato stampato in un riquadro nell’angolo in alto a sinistra della prima pagina dall’inizio del 1897. Lo slogan era un colpo ai giornali in competizione, come il New York World di Joseph Pulitzer e il New York Journal di William Randolph Hearst, che erano noti per uno stile di giornalismo sensazionalista e spesso impreciso su fatti e opinioni, descritto alla fine del secolo come “giornalismo giallo“. Sotto la guida di Ochs il New York Times ha raggiunto portata, diffusione e reputazione internazionali; La diffusione domenicale è passata da meno di 9.000 nel 1896 a 780.000 nel 1934.

Ochs morì nel 1935 e gli succedette come editore suo genero, Arthur Hays Sulzberger. Sotto la sua guida, e quella di suo genero (e successore), Orvil Dryfoos, il giornale ha esteso la sua ampiezza e portata, a partire dagli anni Quaranta. Il cruciverba iniziò ad apparire regolarmente nel 1942 e la sezione moda apparve per la prima volta nel 1946. Il New York Times iniziò un’edizione internazionale nel 1946. (L’edizione internazionale cessò di essere pubblicata nel 1967, quando il New York Times si unì ai proprietari del New York Herald Tribune e The Washington Post per pubblicare l’International Herald Tribune a Parigi.)

Dryfoos morì nel 1963, e gli successe come editore suo cognato, Arthur Ochs “Punch” Sulzberger, che guidò il Times fino al 1992, e continuò l’espansione del giornale

Il New York Times ha una presenza significativa sul Web fin dal 1995. Oggi il sito web del N.Y. Times, attivo dal 22 gennaio 1996, è uno dei siti di notizie più visitati ed è il primo quotidiano online con sede negli USA (31 milioni di utenti al mese censiti a marzo 2009). Dal 14 settembre 2007 il sito web e l’immenso archivio sono stati resi accessibili integralmente; gli archivi sono consultabili sin dall’anno di fondazione.