Il 13 ottobre 1792 a Washington viene posata la prima pietra della Casa Bianca, inaugurata il primo novembre 1800 come futura sede della presidenza degli Stati Uniti.

La Casa Bianca oggi: facciata settentrionale (in alto) e
meridionale (in basso) della Casa Bianca

Insieme alla Blair House, adibita a ospitare le delegazioni in visita di Stato, e al Number One Observatory Circle, che funge da residenza per il vicepresidente degli Stati Uniti, la Casa Bianca è una delle tre residenze più importanti in Washington D.C.

Il francese Pierre L’Enfant progettò la città di Washington DC come una grande scacchiera, il cui fulcro era l’Executive Mansion (Magione Esecutiva), l’attuale Casa Bianca, collegata con un viale di 120 metri alla sede del Congresso, il Campidoglio. Entrambe le costruzioni furono abbozzate dal francese, che però venne rimosso dall’incarico. Vincitore del concorso che venne subito bandito fu James Hoban, che progettò una sontuosa villa il cui tema principale era la forma ovale dei due saloni e un ordinato stile neoclassico, di ispirazione inglese. Giudicata enorme (Thomas Jefferson, che sarà in seguito il suo secondo inquilino, la criticò così: “[…] non è necessaria una casa grande abbastanza per due Imperatori, un Papa e un Dalai Lama“) e nonostante i costi più alti del previsto, l’edificio fu comunque realizzata, seppur privata dei portici e del terzo piano. La Casa Bianca fu in gran parte costruita da manodopera composta di afro-americani sia schiavi che liberi, e di europei immigrati in gran parte ancora privi di cittadinanza.

George Washington morì durante il completamento del tetto e la casa venne inaugurata il primo novembre 1800 con John Adams come primo presidente a risiedere nell’edificio. Il giorno dopo Adams scrisse a sua moglie Abigail: “Prego il cielo di conferire le migliori benedizioni a questa casa e tutto ciò che in seguito la abiterà. Possano solo uomini onesti e saggi governare sotto questo tetto“.

Tutto fu di breve durata perché nel 1814, durante la guerra anglo-americana del 1812, l’Executive Mansion venne data alle fiamme dalle truppe inglesi. L’incendio risparmiò solamente le pareti esterne, anche quelle malandate. Venne richiamato Hoban, che restaurò sommariamente la Casa Bianca, termine che stava diventando di uso comune, giusto in tempo per venire letteralmente demolita negli interni da migliaia di simpatizzanti del presidente Andrew Jackson nel 1829.

Ristrutturata nel corso degli anni, la Casa Bianca vide l’avvicendarsi di presidenti come James Monroe, William Henry Harrison, Abraham Lincoln, Millard Fillmore, la cui moglie iniziò la Biblioteca presidenziale, e infine Chester A. Arthur, che, non volendo mettere piede nella “baracca“, ne comandò la totale ristrutturazione che venne continuata anche dai suoi successori.

La sala rossa progettata da Stéphane Boudin durante la presidenza di John F. Kennedy

Nel XX secolo il presidente Franklin Delano Roosevelt commissionò un importante ammodernamento di pavimenti, solette e strutture che migliorò l’abitabilità della famiglia presidenziale. Tuttavia. dopo l’elezione di Harry S. Truman, nel 1945, la Casa Bianca venne completamente ricostruita, ad eccezione delle mura perimetrali esterne, riportandola ai progetti neoclassici di Latrobe e Hoban. Durante questo periodo l’amministrazione Truman si dovette trasferire a Blair House che fino ad allora era stata utilizzata per ospitare le delegazioni di altri paesi in visita ufficiale. Durante l’amministrazione Eisenhower fu introdotto l’uso del Marine One sui giardini della Casa Bianca. Durante l’amministrazione Kennedy le stanze furono completamente riarredate con nuovi mobili e pezzi d’arte.

Ogni presidente ha a disposizione 100.000$ per modificare elementi strutturali della residenza. Inoltre il presidente può arredare le stanze private e i propri uffici a suo piacimento e aggiungere nuovi spazi. Per esempio, il presidente Obama ha fatto costruire un campo da pallacanestro.

Complesso della Casa Bianca

Oggi, al numero 1600 della Pennsylvania Avenue NW il gruppo di edifici che ospita la presidenza è noto come il complesso della Casa Bianca. Si compone della Executive Residence centrale e di due ali laterali, l’East Wing e la West Wing, colegate alla palazzina centrale da due colonnati. Il capo usciere coordina le operazioni domestiche quotidiane. La Casa Bianca comprende: sei piani e 5.100 m 2 di superficie, 132 stanze e 35 bagni, 412 porte, 147 finestre, ventotto caminetti, otto scale, tre ascensori, cinque chef a tempo pieno, un campo da tennis, una pista da bowling (a una corsia), un cinema (ufficialmente chiamato White House Family Theater), una pista da jogging, una piscina e un putting green. Riceve fino a 30.000 visitatori ogni settimana.

Immagine d’apertura: illustrazione a colori raffigurante la Casa Bianca dal lato sud come sarebbe potuta apparire al termine dei lavori a novembre 1800: la Casa in sè è completata ma il portico è ancora pieno di fango e carretti. Dipinto realizzato da Tom Freeman per la White House Historical Association

Bibliografia e fonti varie

  • Abbott, James A. A Frenchman in Camelot: The Decoration of the Kennedy White House by Stéphane Boudin. Boscobel Restoration Inc.: 1995. ISBN 978-0-9646659-0-3.
  • Abbott, James A. Jansen. Acanthus Press: 2006. ISBN 978-0-926494-33-6.
  • Clinton, Hillary Rodham. An Invitation to the White House: At Home with History. Simon & Schuster: 2000. ISBN 978-0-684-85799-2.
  • Garrett, Wendell. Our Changing White House. Northeastern University Press: 1995. ISBN 978-1-55553-222-2.
  • Guidas, John. The White House: Resources for Research at the Library of Congress. Library of Congress, 1992.
  • Huchet de Quénetain, Christophe. “De quelques bronzes dorés français conservés à la Maison-Blanche à Washington D.C.” in La Revue, Pierre Bergé & associés, n°6, mars 2005 pp. 54–55. OCLC 62701407.
  • Kenny, Peter M., Frances F. Bretter and Ulrich Leben. Honoré Lannuier Cabinetmaker from Paris: The Life and Work of French Ébiniste in Federal New York. The Metropolitan Museum of Art, New York and Harry Abrams: 1998. ISBN 978-0-87099-836-2.
  • Klara, Robert. The Hidden White House: Harry Truman and the Reconstruction of America’s Most Famous Residence. Thomas Dunne Books: 2013. ISBN 978-1-2500-0027-9.
  • Kloss, William. Art in the White House: A Nation’s Pride. White House Historical Association in cooperation with the National Geographic Society, 1992. ISBN 978-0-8109-3965-3.
  • Leish, Kenneth. The White House. Newsweek Book Division: 1972. ISBN 978-0-88225-020-5.
  • McKellar, Kenneth, Douglas W. Orr, Edward Martin, et al. Report of the Commission on the Renovation of the Executive Mansion. Commission on the Renovation of the Executive Mansion, Government Printing Office: 1952.
  • Monkman, Betty C. The White House: The Historic Furnishing & First Families. Abbeville Press: 2000. ISBN 978-0-7892-0624-4.
  • New York Life Insurance Company. The Presidents from 1789 to 1908 and the History of the White House. New York Life Insurance Company: 1908.
  • Penaud, Guy Dictionnaire des châteaux du Périgord. Editions Sud-Ouest: 1996. ISBN 978-2-87901-221-6.
  • Phillips-Schrock, Patrick. The White House: An Illustrated Architectural History (Jefferson, NC: McFarland, 2013) 196 pp.
  • Seale, William. The President’s House. White House Historical Association and the National Geographic Society: 1986. ISBN 978-0-912308-28-9.
  • Seale, William, The White House: The History of an American Idea. White House Historical Association: 1992, 2001. ISBN 978-0-912308-85-2.
  • West, J.B. with Mary Lynn Kotz. Upstairs at the White House: My Life with the First Ladies. Coward, McCann & Geoghegan: 1973. ISBN 978-0-698-10546-1.
  • Wolff, Perry. A Tour of the White House with Mrs. John F. Kennedy. Doubleday & Company: 1962.[ISBN missing]
  • Exhibition Catalogue, Sale 6834: The Estate of Jacqueline Kennedy Onassis April 23–26, 1996. Sothebys, Inc.: 1996.
  • The White House: An Historic Guide. White House Historical Association and the National Geographic Society: 2001. ISBN 978-0-912308-79-1.
  • The White House. The First Two Hundred Years, ed. by Frank Freidel/William Pencak, Boston 1994.[ISBN missing]