Senza soldi

Bene i 209 miliardi, molto male le briciole riservate alla sanità. È il giudizio della Regione Toscana, attraverso l’assessore alla salute Simone Bezzini, sull’ipotesi avanzata dal Governo. Un no secco e una richiesta immediata di cambiamento di rotta. «Nelle ipotesi di piano del Governo le risorse destinate alla sanità sono decisamente insufficienti. Così non va – dice l’assessore – Hanno ragione le tante voci che chiedono più fondi per la sanità: a oggi sono solo 9 i miliardi ipotizzati, appena il 4,3% delle risorse del programma europeo».

Bezzini non ricorre a mezzi termini e chiede «una svolta radicale». «Questa impostazione va corretta subito, così la sanità rischia di essere la cenerentola del Recovery Plan – spiega – Uno schiaffo a tutti gli operatori sanitari e al sistema sanità in generale, che tradisce tutto quello che è stato detto fino ad ora, gli impegni e le promesse degli ultimi mesi».

«Oltre a più risorse per la sanità nel Recovery Plan serve dire sì al Mes, con i suoi 37 miliardi, anche per i rimborsi dell’emergenza Covid, che non possono gravare sui bilanci delle Regioni – prosegue l’assessore regionale – Basta indugi, non ci possiamo permettere il lusso di sprecare questa opportunità, il sistema sanitario necessita di ingenti finanziamenti strutturali e non provvisori. Servono risorse e subito, bisogna realizzare interventi di edilizia sanitaria ammodernando gli ospedali e riqualificando le strutture, potenziare la prevenzione, le case della salute e la rete dei servizi territoriali, investire nella telemedicina e su innovazione, ricerca e digitalizzazione dell’assistenza sanitaria. Vanno inoltre affrontate quelle che l’Oms definisce le nuove epidemie: le cronicità, la non autosufficienza, il disagio mentale, che riguardano le persone più esposte anche ai rischi e alle conseguenze dell’emergenza da Covid19».

«Sul reclutamento di nuovo personale – propone l’assessore – come Regione chiediamo e siamo pronti a condividere con il Governo un piano di assunzioni straordinarie stabili di medici, infermieri e professionisti sanitari, sociosanitari e amministrativi, fortemente carente a seguito dei blocchi decennali, e un deciso potenziamento delle risorse per la formazione per rispondere ai nuovi fabbisogni di personale, per valorizzare le competenze e qualificare i servizi. Va anche aumentato il numero di posti nelle scuole di specializzazione per i giovani medici che si laureano, pena la carenza di specialisti, soprattutto alcune figure, come gli anestesisti. Servono strategie di medio e lungo termine».
«Come Regione Toscana abbiamo fatto ampiamente la nostra parte, presentando a inizio novembre il nostro contributo al Piano nazionale per la ripresa e la resilienza (Pnrr) – sottolinea ancora Bezzini – Nove progetti, chiari e precisi, con relativi tempi di attivazione e fabbisogno finanziario: connected care e telemedicina, case della salute, cure intermedie, investimenti sugli ospedali, riqualificazione delle strutture, gestione delle risorse umane basata sulle competenze, infrastrutture di ricerca e sostegno alla stessa. Ci tengo a sottolineare che siamo stati l’unica Regione italiana a presentare una proposta per la valorizzazione delle politiche per il personale sanitario».

«È necessario – ribadisce e conclude l’assessore – cambiare rotta subito, per fare tutto questo servono ben altre risorse. La sanità merita un ruolo primario nella ripartizione dei fondi del Recovery Plan. Il diritto alla salute va tutelato e la posta in gioco è troppo alta. Se verrà confermata la linea attuale vorrebbe dire non aver imparato nulla dalla pandemia e non voler guardare in faccia le criticità, i bisogni e le prospettive del nostro sistema sanitario, che si configurerebbe come il fanalino di coda delle politiche del Governo».