Ri-Generazione Toscana: Mazzeo inaugura opera di street art al Russell Newton di Scandicci

L’Agorà di Guerrilla Spam prende vita nel cortile dell’istituto. Il presidente del Consiglio regionale: “Il sorriso di questi giovani mi rende orgoglioso e mi conferma che la strada intrapresa è quella giusta”

Firenze – Un luogo di incontro condiviso tra studenti e docenti trasformato grazie alla street art: è accaduto all’interno della struttura che ospita il Liceo e l’Istituto Tecnico Russell Newton di Scandicci, grazie a Street Levels Gallery e a Guerrilla Spam. Il collettivo, originario di Firenze ma ormai parte integrante della scena artistica torinese e internazionale, ha realizzato nel cortile interno della scuola l’opera denominata Agorà: una raffigurazione incentrata sul tema della trasmissione del sapere e della conoscenza, delle esperienze e della condivisione degli spazi.

L’opera è stata realizzata grazie al contributo del Consiglio Regionale della Toscana, nell’ambito delle risorse messe a disposizione dal bando Ri-Generazione attraverso la legge 3/2022 che prevede iniziative di promozione sociale, culturale e di aggregazione rivolte alle nuove generazioni, del Comune di Scandicci, ente che ha anche pubblicato il bando per la street art con l’obiettivo di  dedicare spazi pubblici e privati a questa forma di arte urbana e che ha permesso la realizzazione dell’opera nel cortile dell’istituto Russell Newton, di Publiacqua per l’iniziativa “Publiacqua sostiene la cultura”, della Città Metropolitana di Firenze tramite il bando per l’assegnazione di contributi straordinari a favore di associazioni, fondazioni ed enti operanti in ambito culturale 2023.

“Sono davvero felice di essere qui, in una scuola, insieme alle ragazze e ai ragazzi per inaugurare l’Agorà, questa splendida opera dei Guerrilla Spam”, ha esordito il presidente del Consiglio regionale Antonio Mazzeo.  “Da qualche tempo giro la Toscana per inaugurare iniziative come queste, finanziate da noi, dal Consiglio regionale, con la riduzione dei costi della politica e sono orgoglioso di aver contribuito a questa scelta – ha continuato – perché l’arte di strada è importante come contaminazione per la socialità, come occasione per porre tante domande e per costruire luoghi di bellezza; noi abbiamo il compito di far cambiare il paradigma a tanti che pensano che l’arte di strada sia un modo per imbrattare i muri – ha concluso Mazzeo – vedere il sorriso di questi giovani studenti mi rende orgoglioso e mi conferma che la strada intrapresa è quella giusta”.

Insieme al presidente anche il consigliere regionale Fausto Merlotti, che non solo abita a trecento metri dall’Istituto ed ha avuto modo di apprezzarlo per il percorso scolastico del secondo figlio, ma anche per incarichi personali: “Con piacere e soddisfazione ho partecipato all’inaugurazione del murales, della Scuola Russell Newton a Scandicci, avendo avuto la responsabilità quale presidente del Consiglio d’istituto nel triennio 2017-2020 e quindi avendo condiviso o proposto tante di quelle attività, che avevano proprio come obiettivo e intento il miglioramento della qualità del plesso scolastico e della qualità di vita degli studenti e di tutti coloro che vi lavorano”; queste le parole del consigliere, che ha parlato di un luogo cui tiene particolarmente e al quale è molto legato.

“Oggi è una bella giornata, siamo felici che il primo risultato concreto di tutto il lavoro fatto sul regolamento e sul bando per la street art riguardi l’istituto di Istruzione superiore tecnica e liceale Russell Newton”, ha dichiarato l’assessore alla Cultura Claudia Sereni. “Uno dei luoghi più preziosi della città poiché accoglie e forma oltre 2000 ragazzi ogni anno grazie al lavoro di circa 250 insegnanti. È un risultato che otteniamo grazie anche all’impegno del Consiglio Regionale, della Città Metropolitana e di Publiacqua, che ringraziamo. Il collettivo di Torino Guerrilla Spam, insieme alla scuola e al Comune, ha scelto di reinterpretare lo spazio della ‘agorà’ interna, il cortile dove studenti e professori s’incontrano nei momenti collettivi di ricreazione. La bellezza, l’arte sono dei rigeneratori di spazi formidabili e crediamo che questo sia solo l’inizio di un percorso che renderà Scandicci sempre più bella. L’inaugurazione di oggi è il primo passo di un progetto che coinvolgerà anche altri spazi della scuola”.

Per Anna Maria Addabbodirigente scolastico del Russell Newton, “questo cortile era grigio, ma molto geometrico e razionale, e gli artisti hanno reinterpretato questa razionalità dando un tocco di colore: un progetto condiviso con gli studenti e che ha visto anche alcuni di loro partecipare alla realizzazione, e questo è stato il valore aggiunto che ci ha fatto scegliere la street art – ha spiegato –  Da tempo la scuola pensava ad una rivisitazione dello spazio e ad una vivacità cromatica, questa è stata l’occasione che abbiamo colto al volo per realizzare un sogno, e ringraziamo tutti per il contributo”.

Matteo Colombiresponsabile relazioni esterne di Publiacqua, parlando dell’impegno culturale dell’azienda sul territorio, attraverso la pubblicazione di bandi che finanziano circa 600 mila euro l’anno, si è detto “molto soddisfatto per questo intervento e per il percorso prospettato, che ha visto partecipare attivamente i ragazzi della scuola, nella costruzione di un loro luogo vissuto: una iniziativa che rappresenta al meglio la nostra filosofia, ovvero sostenere il territorio con le persone che vivono luoghi dove noi andiamo ad intervenire”.

Sulla collaborazione hanno puntato anche Andrea, di Guerrilla Spam, e Sofia Bonacchicofondatrice di Strret Levels Gallery. Secondo Andrea “la bellezza di questo murale, che si basa sul concetto della trasmissione della cultura, del Dna, delle informazioni, sta non solo nell’opera ma anche nella collaborazione dei ragazzi e delle ragazze della scuola, che hanno lavorato con noi ed è stato molto bello”. Sofia ha parlato di collaborazione con il Comune di Scandicci, grazie al bando del Consiglio regionale, e dei Guerrillia Spam che hanno realizzato il progetto insieme agli studenti: “Un fregio che abbraccia tutta l’agorà dell’istituto, un percorso che decreterà quale sarà il domani di questi giovani”.

L’opera “Agorà” si sviluppa in modo circolare come un lungo fregio, che richiama l’estetica dei templi antichi, e si estende attorno all’ampio spazio, abbracciando i pilastri che definiscono il cortile interno dell’istituto, la più grande scuola della Città Metropolitana di Firenze.

L’elemento pittorico pur mantenendo una continuità visiva, varia e trasforma gli elementi presenti. Il punto di partenza è la figura di un serpente arcobaleno, un’icona mitica presente nelle culture aborigene australiane e sudamericane; l’aspide rappresenta il legame spirituale con l’origine dell’umanità, simboleggiando il viaggio e la trasmissione di valori culturali e tradizioni. Man mano che il fregio si sviluppa, il serpente si trasforma fino a diventare la struttura a doppia elica del DNA, figura che richiama non solo un collegamento diretto con il liceo scientifico che ospita l’opera, ma anche la trasmissione biologica di informazioni. Ma l’evoluzione non si arresta, e la rappresentazione del DNA si evolve ulteriormente in una colonna senza fine, ispirata all’omonima opera scultorea di Constantin Brancusi, simboleggiando una trasmissione trascendente e spirituale, un richiamo all’infinito.

L’intera rappresentazione pittorica è suddivisa in tre parti distinte, che coincidono con i tre lati del cortile e i suoi pilastri perimetrali. Nella trama di sviluppo del tema emergono molteplici figure stilizzate, tipiche dell’immaginario artistico e della produzione pittorica di Guerrilla Spam. Alcune di queste figure sono rappresentate in momenti di collettività, in gruppo, mentre altre rimangono isolate in posizioni che richiamano elementi geometrici provenienti dalle culture aborigene e nordamericane.

L’intero lessico visivo utilizzato evoca valori universali come l’amicizia, la solidarietà e la cooperazione. L’opera Agorà, in linea con la produzione artistica del collettivo, è realizzata principalmente utilizzando il bianco e il nero, ma in alcune sezioni si aggiungono il sabbia e il rosso: quest’ultimo è stato scelto per richiamare il colore dell’istituto scolastico che ospita la creazione.

————-

Biografie

Guerrilla Spam

Guerrilla Spam nasce nel novembre 2010 a Firenze come spontanea azione non autorizzata di attacchinaggio negli spazi urbani, senza un nome e un intento definito. Dal 2011 si susseguono numerosi lavori in strada sia in Italia sia all’estero, che esprimono un forte interesse per le tematiche sociali e per il rapporto tra individuo e spazio pubblico. Dal 2014 il lavoro in strada è alternato a quello didattico nelle scuole secondarie, superiori e Accademie di Belle Arti tramite lezioni finalizzate alla conoscenza del fenomeno dell’arte urbana; dal 2016 la didattica si concentra sul tema delle migrazioni, attraverso laboratori che coinvolgono italiani e stranieri, in particolar modo provenienti dall’Africa, volti a conoscere e valorizzare le diverse culture.

Del collettivo Guerrilla Spam oggi hanno parlato giornali nazionali come “La Repubblica”, “La Stampa”, “Il Corriere della Sera” e internazionali come “The Economist”.

Street Levels Gallery

Street Levels Gallery è una galleria internazionale di arte urbana con sede a Firenze. Nata dall’incontro tra artisti e produttori culturali, la galleria si propone come un ambiente capace di indagare sui vari livelli di interazione dell’arte – tra strada, pubblico e spazio espositivo – interagendo con il tessuto urbano in uno scambio reciproco, in costante mutamento. Con questo obiettivo, lo staff di Street Levels Gallery ha generato una realtà interamente dedicata alla sperimentazione artistica, all’esposizione di opere, alla produzione di connessioni, trame umane e progettualità condivise.

L’arte è il mezzo tramite il quale raccontare i percorsi e le espressioni artistiche nate in strada, supportandone l’esistenza, e, contemporaneamente, cercando di abbattere quei limiti narrativi e stereotipici esistenti tra lo spazio pubblico e quello privato, tra la strada e il luogo espositivo.

Street Levels Gallery media e concilia le differenti visioni artistiche con le esigenze dei privati, le amministrazioni pubbliche e la comunità. La galleria collabora con comuni, festival, rassegne d’arte, musei, aziende, associazioni, collettivi, università, enti pubblici e privati, al fine di diffondere e promuovere il movimento dell’Arte Urbana in Italia e nel mondo.

(testo redatto in collaborazione con l’Ufficio stampa del Comune di Scandicci)

La galleria delle immagini