C’è una proposta che non potete rifiutare. Sul serio. È un gioco aperto a tutti che unisce la voglia di selfie estivi, ma va pur bene una foto scattata da un amico, con l’arte che ha reso e continua rendere grande la Toscana. La Galleria dell’Accademia di Firenze vi invita a partecipare a Ricci ad arte! Come fare è presto spiegato.

«Quest’estate vogliamo giocare insieme a voi, ovunque voi siate: al mare, in campagna, in montagna, in città. Che siate sulla spiaggia, su un lago, lungo le rive di un fiume, chiusi in casa per scappare dal caldo, sdraiati su un divano dopo il pranzo della domenica, noi abbiamo trovato il rimedio per non farvi annoiare», spiegano dalla Galleria dell’Accademia.

Come partecipare (divertendosi) al gioco

Nelle sale della Galleria sono esposti busti e effigi di donne del 1800, dalle chiome elegantemente acconciate. Laboriose pettinature, dove ogni riccio e boccolo è sapientemente posizionato. Queste complicate acconciature sono raffigurate nei gessi del grande scultore Lorenzo Bartolini, allestiti lungo il percorso espositivo del museo.

«Ne abbiamo scelte 5, particolarmente elaborate, e vi sfidiamo a riprodurle e a pettinarvi copiando le loro chiome. Mandateci i vostri selfie o le vostre foto, agghindati alla guisa del Bartolini – riprendono – Dalla seconda metà di agosto e per tutto settembre ogni settimana pubblicheremo sul profilo Instagram della Galleria dell’Accademia di Firenze le più fantasiose e le più riuscite. Non solo, a fine settembre una giuria sceglierà la migliore tra quelle che hanno ottenuto più “like” e i vincitori riceveranno l’ingresso gratuito per tre persone e una visita guidata alla Galleria (nel rispetto delle normative vigenti al momento relative al Covid-19)».

Allora, cosa aspettate? Sbizzarritevi e inviate le vostro foto a info (max 1 mb); oppure pubblicatele su Instagram con i riferimenti @galleriaaccademiafirenze e #ricciadarte #artsycurly.

Ricordatevi che inviando la vostra foto o taggando la Galleria date automaticamente il consenso a pubblicarla sui social network della Galleria dell’Accademia di Firenze.

Queste le foto scelte dalla Galleria