Saint-Gobain, leader nell’edilizia sostenibile e nei materiali e soluzioni pensati per il benessere di ciascuno ed il futuro di tutti, presente a Prato con la Logli Massimo Saint-Gobain, è tra le prime 100 aziende ed istituzioni più innovative del mondo, per la nona volta consecutiva: a dirlo è la classifica “Derwent Top 100 Global Innovators” 2020 stilata da Clarivate Analytics (già Thomson Reuters).

La classifica si basa su 4 criteri principali: il numero totale di brevetti, la percentuale di brevetti rilasciati, il numero di brevetti depositati, la portata globale del portafoglio-brevetti e l’impatto relativo (misurato dal numero di citazioni). La graduatoria riconosce e premia l’impegno che il Gruppo Saint-Gobain pone costantemente sull’innovazione e sulla ricerca e sviluppo. Per l’attività di R&S Saint-Gobain si avvale di una rete globale di 8 Centri interfunzionali e numerose Unità dedicate.

«Questa organizzazione ci consente di innovare costantemente con i nostri partner e clienti, siano essi giovani start-up o aziende affermate, e con il mondo accademico. Per il gruppo significa aumentare la competitività e la crescita, e per i nostri dipendenti è motivo di grande orgoglio», ha commentato Pierre-André de Chalendar, presidente e amministratore delegato di Saint-Gobain.

Grazie a questo grande impegno, Saint-Gobain possiede un serbatoio di innovazioni che le permette di lanciare molti nuovi prodotti ogni anno: dei prodotti commercializzati oggi, uno su quattro non esisteva cinque anni fa. In totale, il gruppo deposita oltre 400 brevetti ogni anno, rafforzando così la posizione di leader nei mercati di riferimento.
In Italia, dove è presente da oltre 130 anni, Saint-Gobain conta 27 siti produttivi in cui operano circa 2.000 addetti. Si propone come polo tecnologico di riferimento per i propri mercati, con prodotti, sistemi e soluzioni realizzati per il 90% in Italia ed un’ attenzione particolare ai temi del comfort termo-acustico, risparmio energetico, sicurezza, estetica e qualità dell’aria.

«Le aziende del Gruppo che operano nel nostro Paese sono orgogliose del contributo che l’Italia apporta alla rete mondiale di Ricerca & Sviluppo – ha commentato a sua volta Gaetano Terrasini, dal 1° luglio nuovo Ceo di Saint-Gobain in Italia. – Oltre a soluzioni ad alte prestazioni tecniche prodotte avvalendoci di tecnologie sviluppate a livello mondiale, abbiamo adattato i materiali per la costruzione ai nostri sistemi italiani, producendone il 90% sul nostro territorio».