Sanità: Regione ha chiesto proroga della validità della graduatoria per gli Oss

Lo ha affermato l’assessore Simone Bezzini rispondendo in aula a un’interrogazione di Marco Stella, il quale chiedeva se fosse in programma un nuovo concorso

Non è in vista alcun concorso indetto da Estar Toscana nel 2023 per l’assunzione di nuovi operatori socio sanitari (Oss). E questo perché è ancora in vigore la graduatoria dell’ultimo concorso svolto, e lo sarà ancora per svariati mesi. Ad affermarlo l’assessore regionale alla Sanità Simone Bezzini, il quale ha risposto in aula a un’interrogazione in merito presentata da Marco Stella.

Stella, ricordando che sono quasi un centinaio gli operatori che attendono di essere chiamati e di poter entrare in servizio dopo il concorso fatto nel 2021, aveva chiesto se fosse in programma un nuovo concorso e di “valutare di rimandare la scadenza della graduatoria attualmente in corso di validità, facendo entrare in servizio tutti gli idonei della graduatoria del concorso del 2021, fino ad esaurirla”.

L’assessore ha ricordato che gli Oss attualmente in servizio sono 7389, con un aumento del 34% rispetto al periodo precedente alla pandemia, e che negli ultimi mesi sono stati assunti 44 nuovi lavoratori. Ha inoltre confermato che la Toscana ha chiesto una proroga della validità della graduatoria dell’ultimo concorso. “Per legge la graduatoria dura due anni – ha spiegato – ma la Toscana ha inoltrato un’istanza alla Conferenza Stato-Regioni, poi accolta anche dalle altre regioni, per prolungare le graduatorie per almeno un altro anno”.

Stella si è detto soddisfatto e “contento che l’assessore abbia cambiato idea sull’argomento rispetto a quanto aveva dichiarato precedentemente. Grazie al nostro gruppo si apre una nuova prospettiva per tante persone”.