sognando la libertà, di giovanni pulci

I campi intorno cingono la strada, chiudendola, sono obbligato a percorrerla se voglio arrivare da qualche parte, nessuno e nessuna cosa dovrebbe obbligarmi la via da seguire, eppure non ho scelta. L’alternativa sarebbe quella di rompere il ciglio stradale per scegliere la mia direzione e andare dove voglio in assoluta libertà, ma non posso, so di non poterlo fare.

Arrivo finalmente sulla costa, lasciando alle spalle quella lunga e sinuosa lingua d’asfalto a senso imposto, sembra per un momento di essermi liberato dalla costrizione. Il mio intento è arrivare, non penso ad altro; ci siamo, vedo il mare: con la sua forma, il movimento, la vita dentro, un piacevole senso di pace e di quieta riflessione mi avvolge come fanno le acque con le barche, trascinando dolcemente la prua al largo, lasciandole libere di muoversi, senza obbligo, possono scegliere la direzione, o se vogliono farsi trasportare dal vento, senza meta e approdare su spiagge remote.

Mi illudo per un momento. Maledizione! Se voglio continuare il mio cammino devo ripercorrere quella dannatissima strada, non è una regola ma una imposizione, è necessario che la transiti, non posso fare altro.

Giovanni Pulci

Continua a leggere su eccocistore.it a questo link, dove potrai anche votare il racconto