legambiente toscana qualita ambientale 1200x900

Evento in streaming: oggi Lunedì 7 febbraio 2022 alle ore 18, visualizzabile dalla pagina facebook ufficiale certificata di Irene Galletti, Presidente del Gruppo Movimento 5 stelle in Regione Toscana. (Link alla pagina dell’evento: facebook.com/IreneGallettiM5S)

Con due recenti proposte di legge, di cui una già approvata e la seconda ancora in discussione nella commissione di competenza, il Consiglio regionale della Toscana modifica la L.R. 65/2014, dai più conosciuta come “Legge Marson” e ritenuta dagli esperti in materia tra le più avanzate nella programmazione territoriale urbanistica a livello nazionale. Modifiche che in molti leggono come una rimozione di alcuni dei principi che l’hanno resa così efficace e funzionale anche a distanza di tempo.
Questi due passaggi hanno messo in allarme la comunità toscana dei sindacati, associazioni e forze politiche che da sempre si impegnano per la tutela e difesa del paesaggio e dell’ambiente.

Le motivazioni riguardo la necessità di semplificare la realizzazione delle opere legate al PNRR appaiono a molti non giustificate, e anzi vengono interpretate come un allentamento delle maglie del controllo regionale, unico Ente in grado di mantenere una visione di insieme per tutelare il paesaggio e la qualità del territorio toscano. Per capire meglio i rischi basti considerare che molti aspetti, prima supervisionati direttamente dalla Regione, vengono estremamente semplificati con inserimenti di procedure autorizzative di tipo “silenzio assenso” o attraverso la compressione delle competenze regionali, trasformando alcuni interventi quasi in un rapporto esclusivo tra il Comune e il soggetto privato, aprendo così a iniziative che aumentano il carico urbanistico e spingendo verso un eccesso di consumo di suolo. Tutto questo con il pretesto di rendere gli interventi economicamente meno onerosi e burocraticamente più agili.

Parleremo di questo e di molti altri aspetti durante il confronto online che sarà trasmesso in streaming lunedì 7 febbraio alle ore 18 sulla pagina Facebook ufficiale di Irene Galletti.

Parteciperanno al confronto diversi esperti tra cui Anna Marson, la promotrice della legge al centro del dibattito.

Partecipano:

  • Anna Marson, Professoressa ordinaria di Pianificazione e Progettazione del territorio – Università IUAV di Venezia;
  • Maurizio Brotini, Segretario CGIL Toscana con delega alle Politiche abitative, piani urbanistici e ambiente;
  • Fausto Ferruzza, Presidente di Legambiente Toscana;
  • Fabrizio Bianchi, Coordinamento Politiche ambientali di Sinistra Civica Ecologista.

Modera:

  • Irene Galletti, Presidente del Gruppo Movimento 5 Stelle in Regione Toscana.

Tutela del Paesaggio e qualità del territorio toscano: i rischi delle modifiche alla L.R. 65/2014

Evento in streaming: Lunedì 7 febbraio 2022 alle ore 18, visualizzabile dalla pagina facebook ufficiale certificata di Irene Galletti, Presidente del Gruppo Movimento 5 stelle in Regione Toscana. (Link alla pagina dell’evento: facebook.com/IreneGallettiM5S)

Con due recenti proposte di legge, di cui una già approvata e la seconda ancora in discussione nella commissione di competenza, il Consiglio regionale della Toscana modifica la L.R. 65/2014, dai più conosciuta come “Legge Marson” e ritenuta dagli esperti in materia tra le più avanzate nella programmazione territoriale urbanistica a livello nazionale. Modifiche che in molti leggono come una rimozione di alcuni dei principi che l’hanno resa così efficace e funzionale anche a distanza di tempo.
Questi due passaggi hanno messo in allarme la comunità toscana dei sindacati, associazioni e forze politiche che da sempre si impegnano per la tutela e difesa del paesaggio e dell’ambiente.

Le motivazioni riguardo la necessità di semplificare la realizzazione delle opere legate al PNRR appaiono a molti non giustificate, e anzi vengono interpretate come un allentamento delle maglie del controllo regionale, unico Ente in grado di mantenere una visione di insieme per tutelare il paesaggio e la qualità del territorio toscano. Per capire meglio i rischi basti considerare che molti aspetti, prima supervisionati direttamente dalla Regione, vengono estremamente semplificati con inserimenti di procedure autorizzative di tipo “silenzio assenso” o attraverso la compressione delle competenze regionali, trasformando alcuni interventi quasi in un rapporto esclusivo tra il Comune e il soggetto privato, aprendo così a iniziative che aumentano il carico urbanistico e spingendo verso un eccesso di consumo di suolo. Tutto questo con il pretesto di rendere gli interventi economicamente meno onerosi e burocraticamente più agili.

Parleremo di questo e di molti altri aspetti durante il confronto online che sarà trasmesso in streaming lunedì 7 febbraio alle ore 18 sulla pagina Facebook ufficiale di Irene Galletti.

Parteciperanno al confronto diversi esperti tra cui Anna Marson, la promotrice della legge al centro del dibattito.

Partecipano:

– Anna Marson, Professoressa ordinaria di Pianificazione e Progettazione del territorio – Università IUAV di Venezia;
– Maurizio Brotini, Segretario CGIL Toscana con delega alle Politiche abitative, piani urbanistici e ambiente;
– Fausto Ferruzza, Presidente di Legambiente Toscana;
– Fabrizio Bianchi, Coordinamento Politiche ambientali di Sinistra Civica Ecologista.

Modera:

– Irene Galletti, Presidente del Gruppo Movimento 5 Stelle in Regione Toscana.