Ha sparato al fratello, freddandolo, per poi rivolgere l’arma contro se stesso e suicidarsi. Omicidio-suicidio è l’ipotesi più accreditata sulla quale lavorano i carabinieri di Prato, intervenuti nella serata di ieri a Oste di Montemurlo dove hanno rinvenuto i cadaveri dei due fratelli. Gli uomini, di 54 e 60 anni, non vivevano insieme. Il fatto si è consumato nell’abitazione del più anziano, dove si era recato armato di pistola il fratello che risulta senza fissa dimora.

Ad avvertire i militari sono stati i vicini di casa, dopo aver udito i colpi di pistola. I carabinieri hanno rinvenuto i corpi di Giacomo Pusceddu, il sessantenne, e del fratello, Maurizio Pusceddu, privo di vita e poco distante.
Secondo quanto finora emerso dalle indagini, coordinate dal sostituto procuratore Lorenzo Boscagli, il più giovane ha sparato due colpi contro il fratello, per poi esploderne uno verso se stesso.

Articolo precedenteVoto alle donne negli USA: Congresso approva il diciannovesimo emendamento
Articolo successivoArte, musica e natura s’incontrano all’Orto botanico Corsini