Ha più volte picchiato la compagna, minacciandola di scioglierla nell’acido o di cospargerla di benzina per darle fuoco. Al tempo stesso, nel corso degli anni, ha malmenato e minacciato i genitori, costringendoli più volte a ricorrere alle cure del pronto soccorso. Un giovane di Certaldo, di 29 anni, è infine stato arrestato, dietro un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le indagini preliminari di Firenze eseguita dai carabinieri.

Dall’indagine dei militari della stazione di Certaldo, è emerso come il giovane fosse un assiduo consumatore di alcol e di droghe e che, da ormai diverso tempo, era divenuto aggressivo, passando in più circostanze dalle parole ai fatti, tanto nei confronti della famiglia d’orgine quanto verso la compagna. Anche in passato, d’altra parte, il 29enne si era scagliato contro le persone più vicine, ovvero i genitori.

Per di più, il 29enne era già conosciuto dai carabinieri anche per i precedenti specifici.

Dal 2017, litigi e violenze si sono susseguite con una frequenza crescente. I militari della stazione di Certaldo sono intervenuti più volte, negli ultimi due anni, presso l’abitazione del giovane, su richiesta dei genitori o della compagna. I litigi, scaturiti per futili motivi, sono spesso culminati in minacce e violenze che gli inquirenti, per quanto riguarda alcuni casi, definiscono brutali.

Le aggressioni nei confronti dei familiari del giovane arrestato sono state in più casi refertate, con prognosi che hanno raggiunto i 10 giorni.