5.9 C
Firenze
12/03/2022
720x70 estra banner

Anschluss

Il 12 marzo 1938 la Wermacht tedesca passa il confine tra Germania e Austria senza incontrare opposizione dalle forze armate austriache, avviene così l’Anschluss, l’annessione dell’Austria alla Germania nazista,

L’idea di un Anschluss (un’Austria e una Germania unite che avrebbero formato una “Grande Germania”) è iniziata dopo che l’unificazione della Germania ha escluso l’Austria e gli austriaci tedeschi dall’impero tedesco dominato dalla Prussia nel 1871. Dopo la fine della prima guerra mondiale con la caduta dell’Impero austro-ungarico, nel 1918, la neonata Repubblica austriaca tentò di formare un’unione con la Germania, ma il Trattato di Saint Germain (10 settembre 1919) e il Trattato di Versailles (28 giugno 1919) proibirono sia l’unione che l’uso continuato del nome “German-Austria” (Deutschösterreich); i trattati spogliarono anche l’Austria di alcuni dei suoi territori, come i Sudeti.

Prima dell’Anschluss, c’era stato un forte sostegno da parte di persone di ogni estrazione sia in Austria che in Germania per l’unificazione dei due paesi. All’indomani dello scioglimento della monarchia asburgica – con l’Austria rimasta come un residuo spezzato, privata della maggior parte dei territori che ha governato per secoli e in grave crisi economica – l’idea di unità con la Germania sembrava attraente anche a molti cittadini del centro e della sinistra politica. Se i vincitori della prima guerra mondiale lo avessero permesso, l’Austria si sarebbe unita alla Germania come decisione democratica liberamente presa. Tuttavia dopo il 1933 il desiderio di unificazione potrebbe essere identificato con i nazisti, per i quali era parte integrante del concetto nazista “Heim ins Reich“, che cercava di incorporare il maggior numero possibile di Volksdeutsche (tedeschi etnici fuori dalla Germania) in una “Grande Germania “.

Confini di Austria e Germania subito prima dell’Anschluss

All’inizio degli anni ’30, c’era ancora una resistenza significativa in Austria – anche tra alcuni nazisti austriaci – ai suggerimenti che l’Austria dovesse essere annessa alla Germania e lo stato austriaco sciolto completamente. Di conseguenza, dopo che i nazisti tedeschi, sotto Adolf Hitler di origine austriaca, presero il controllo della Germania (1933), i loro agenti coltivarono tendenze favorevoli all’unificazione in Austria e cercarono di minare il governo austriaco, controllato dal Fronte della Patria austrofascista. Durante un tentativo di colpo di stato nel 1934, il cancelliere austriaco Engelbert Dollfuss fu assassinato dai nazisti austriaci. La sconfitta del colpo di stato spinse molti dei principali nazisti austriaci ad andare in esilio in Germania, dove continuarono i loro sforzi per l’unificazione dei due paesi.

All’inizio del 1938, sotto la crescente pressione degli attivisti a favore dell’unificazione, il cancelliere austriaco Kurt Schuschnigg annunciò che ci sarebbe stato un referendum su una possibile unione con la Germania che si sarebbe tenuto il 13 marzo. Descrivendo questo come una sfida alla volontà popolare in Austria e Germania, Hitler minacciò un’invasione e fece segretamente pressioni su Schuschnigg affinché si dimettesse. Il referendum fu allora annullato. Il 12 marzo, la Wehrmacht tedesca ha attraversato il confine con l’Austria, senza alcuna opposizione da parte dell’esercito austriaco; i tedeschi furono accolti con grande entusiasmo. Un plebiscito tenuto il 10 aprile ratificò ufficialmente l’annessione dell’Austria al Reich.

Le forze di Hitler soppressero ogni opposizione. Prima che il primo soldato tedesco attraversasse il confine, Heinrich Himmler e alcuni ufficiali delle SS sbarcarono a Vienna per arrestare rappresentanti di spicco della Prima Repubblica, come Richard Schmitz, Leopold Figl, Friedrich Hillegeist e Franz Olah. Durante le poche settimane tra l’Anschluss e il plebiscito, le autorità radunarono socialdemocratici, comunisti, altri potenziali dissidenti politici ed ebrei austriaci e li imprigionarono o li mandarono nei campi di concentramento. Entro pochi giorni dal 12 marzo, 70.000 persone erano state arrestate. La stazione ferroviaria in disuso nord-ovest di Vienna è stata trasformata in un campo di concentramento improvvisato. Lo storico americano Evan Burr Bukey ha avvertito che il risultato del plebiscito deve essere preso con “grande cautela”. Il plebiscito fu soggetto alla propaganda nazista su larga scala e all’abrogazione dei diritti di voto di circa 360.000 persone (8% della popolazione avente diritto al voto), principalmente nemici politici come ex membri di partiti di sinistra e cittadini austriaci di ebrei o Origine zingara.

Hitler annuncia l’Anschluss sulla Heldenplatz, Vienna, il 15 marzo 1938.

Il sostegno degli austriaci all’Anschluss fu ambivalente; ma, poiché il leader del Partito socialdemocratico austriaco Karl Renner e il più alto rappresentante della chiesa cattolica romana in Austria, il cardinale Theodor Innitzer avevano entrambi approvato l’Anschluss, circa due terzi degli austriaci potrebbero plausibilmente aver votato a favore. Quello che il risultato del plebiscito ha significato per gli austriaci sarà sempre oggetto di speculazione. Tuttavia, gli storici generalmente concordano sul fatto che non può essere spiegato esclusivamente dal semplice opportunismo o dal desiderio di socioeconomia e ha rappresentato il vero sentimento nazionalista tedesco in Austria durante il periodo tra le due guerre. Inoltre, il consenso generale antisemita in Austria significava che una quantità sostanziale di austriaci era più che pronta a “adempiere al proprio dovere” nel “Grande Reich tedesco“. Quanti austriaci a porte chiuse erano contro l’Anschluss rimane sconosciuto, ma solo una “faccia infelice” di un austriaco in pubblico quando i tedeschi marciarono in Austria è mai stata prodotta. Secondo alcuni rapporti della Gestapo, solo tra un quarto e un terzo degli elettori austriaci a Vienna erano a favore dell’Anschluss. Secondo Evan Burr Bukey, non più di un terzo degli austriaci ha mai sostenuto pienamente il nazismo durante l’esistenza del Terzo Reich.

Subito dopo l’Anschluss i nazisti iniziarono in Austria una spietata campagna contro gli ebrei lì residenti. Uomini e donne ebrei furono costretti a lavare via gli slogan indipendentisti dipinti per le strade di Vienna prima del fallito plebiscito del 13 marzo. Le attrici ebree del Theater in der Josefstadt furono costrette a pulire i bagni dalle SA. Il processo di arianizzazione iniziò e gli ebrei furono cacciati dalla vita pubblica in pochi mesi. Questi eventi raggiunsero il culmine nel pogrom della Notte dei Cristalli del 9-10 novembre 1938. Tutte le sinagoghe e le case di preghiera a Vienna furono distrutte, così come in altre città austriache come Salisburgo. Lo Stadttempel è stato l’unico sopravvissuto grazie alla sua posizione in un quartiere residenziale che ne ha impedito l’incendio. La maggior parte dei negozi ebrei furono saccheggiati e chiusi. Oltre 6.000 ebrei furono arrestati durante la notte, la maggioranza deportata nel campo di concentramento di Dachau nei giorni seguenti. Le leggi di Norimberga applicate in Austria dal maggio 1938, successivamente rafforzate da innumerevoli decreti antisemiti. Gli ebrei furono gradualmente privati ​​delle loro libertà, esclusi da quasi tutte le professioni, esclusi da scuole e università e costretti a indossare il distintivo Giallo dal settembre 1941.

I nazisti sciolsero le organizzazioni e le istituzioni ebraiche, sperando di costringere gli ebrei a emigrare. I loro piani riuscirono: alla fine del 1941, 130.000 ebrei avevano lasciato Vienna, 30.000 dei quali andarono negli Stati Uniti. Hanno lasciato tutte le loro proprietà e sono stati costretti a pagare la Tassa di volo del Reich, una tassa su tutti gli emigrati dalla Germania nazista; alcuni hanno ricevuto sostegno finanziario da organizzazioni umanitarie internazionali in modo da poter pagare questa tassa. La maggior parte degli ebrei che erano rimasti a Vienna alla fine divenne vittima dell’Olocausto. Degli oltre 65.000 ebrei viennesi deportati nei campi di concentramento, meno di 2.000 sopravvissero.

Immagine d’apertura: folle pro annessione salutano l’arrivo dei nazisti a Vienna

Bibliografia

Articolo precedenteESTRA NOTIZIE marzo 2