- Pubblicità -Estra bilancio socialeEstra bilancio socialeEstra bilancio sociale

USA adottano Gold Standard

Il 14 marzo 1900 entra in vigore il Gold Standard Act, con cui gli USA rendono l’oro l’unico standard per scambiare denaro cartaceo, ponendo fine al bimetallismo.

La legge ha reso il gold standard, de facto in vigore dal Coinage Act del 1873 (in base al quale i detentori del debito potevano chiedere il rimborso in qualsiasi metallo fosse preferito, di solito l’oro), un gold standard de jure insieme alle altre principali potenze europee dell’epoca.

La legge ha fissato così il valore del dollaro a 25 8⁄10 grani d’oro a “nove decimi di multa” (90% di purezza), equivalente a 23,22 grani (1,5046 grammi) di oro puro.

Il Gold Standard Act ha confermato l’impegno degli Stati Uniti per il gold standard assegnando all’oro un valore in dollari specifico (poco più di $ 20,67 per oncia Troy). Ciò è avvenuto dopo che McKinley ha inviato una squadra in Europa per cercare di fare un accordo d’argento con Francia e Gran Bretagna.

Il 19 aprile 1933, gli Stati Uniti abbandonarono internamente il gold standard, dopodiché gli stati indipendenti sarebbero rimasti assicurati delle loro partecipazioni in dollari USA da una garanzia implicita sulla loro convertibilità su richiesta: il sistema di Bretton Woods formalizzò questo accordo internazionale alla conclusione della guerra mondiale. II, prima che lo shock di Nixon annullasse unilateralmente la convertibilità internazionale diretta del dollaro USA in oro nel 1971.

Bibliografia