Home Notizie Cultura CENTRO PECCI | Appuntamenti dall’1 al 4 dicembre 2022

CENTRO PECCI | Appuntamenti dall’1 al 4 dicembre 2022

0
CENTRO PECCI | Appuntamenti dall’1 al 4 dicembre 2022
CENTRO PECCI BOOKSBenedetta Tobagi, La resistenza delle donne (Einaudi, 2022)In dialogo con Alessia CecconiLe donne furono protagoniste della Resistenza: prestando assistenza, combattendo in prima persona, rischiando la vita. Una «metà della Storia» a lungo silenziata a cui Benedetta Tobagi ridà voce e volto, a partire dalle fotografie raccolte in decine di archivi. Ne viene fuori un inedito album di famiglia della Repubblica, in cui sono rimesse al loro posto le pagine strappate, o sminuite: le pagine che vedono protagoniste le donne. La Resistenza delle donne è dedicato «A tutte le antenate»: se fosse una mappa, alla fine ci sarebbe un grosso «Voi siete qui». Insieme alle domande: E tu, ora, cosa farai? Come raccoglierai questa eredità? PRESENTAZIONE EDITORIALEGiovedì 1 dicembre 2022, ore 18.00PER MAGGIORI INFORMAZIONI
Ouverture per Pietro (2006)nell’ambito del Public Program della mostra HagoromoUna performance di Massimo Bartolini con l’artista sonoro Pietro RiparbelliVISITA GUIDATA E PERFORMANCEVenerdì 2 dicembre 2022, dalle ore 17.30ore 17.30 > visita guidata alla mostra alla presenza dell’artistaore 18.30 > performancePER MAGGIORI INFORMAZIONI
CENTRO PECCI ACADEMYArtisti e mezzo fotografico: immagini concettuali nelle opere di John Baldessari, Dan Graham, Les Levine, William Wegman, Giuseppe Penone, David Hockney e altri artisti presentati alla Galleria Schema di FirenzeCon Desdemona VentroniPenultimo appuntamento del ciclo di incontri di avvicinamento e introduzione all’arte contemporanea, incentrato su tematiche proposte nella mostra Schema 50. Una galleria fra le neoavanguardie (1972-1994), ideati e condotti da Desdemona Ventroni, curatrice con Raul Dominguez e Stefano Pezzato dell’esposizione in corso al Centro Pecci di Prato.INCONTRODomenica 4 dicembre 2022, ore 16.00PER MAGGIORI INFORMAZIONI
CENTRO PECCI IN FAMIGLIAVerso pianeti sconosciutiPer famiglie con bambini dagli 0 ai 3 anniAstronavi in cui si può entrare, palline colorate e forme bizzarre trasformano lo spazio del museo. Dopo l’esplorazione dello spazio della mostra Schema 50 con tutti i sensi, genitori e bambini daranno vita a un gioco mettendo le ali per volare verso pianeti immaginari. Lì una casa può stare in piedi sul tetto, un vulcano può far uscire ombrelli al posto della lava, le nuvole di zucchero filato ogni tanto scendono per farsi mangiare… tutto sembra stravolto e cambia il nostro punto di vista. A guidare l’esplorazione saranno i bambini con la loro curiosità, per trovare nuove storie da raccontare.In collaborazione con Coop. Keras, ideata da Ambra NardiniAlfamimeticoPer famiglie con bambini dai 3 ai 6 anniGli artisti della mostra Schema 50 hanno esplorato tutte le possibili combinazioni tra parola e immagine: dal collage alla “poesia visiva”, dal manifesto d’artista alla dattilografia, dalla mail art al libro d’artista. Durante il laboratorio bambini e famiglie potranno sperimentare esercizi di scrittura creativa attraverso la realizzazione di poesie visive che uniscano lettere o parole e immagini, ispirate agli artisti in mostra. ATTIVITÀ PER FAMIGLIESabato 3 dicembre 2022, dalle ore 10.30PER MAGGIORI INFORMAZIONI
MOSTRE IN CORSO
MASSIMO BARTOLINI. HagoromoA cura di Luca Cerizza con Elena Magninifino all’8 gennaio 2023La mostra presenta una nuova installazione – la più grande mai realizzata dall’artista – appositamente concepita per gli spazi del museo, una sorta di nuova spina dorsale che guida lo spettatore alla scoperta di opere appartenenti a momenti diversi della sua carriera.
SCHEMA 50Una galleria fra le neo-avanguardie (1972-1994)A cura di Stefano Pezzato con Raul Dominguez, Desdemona Ventroni e CID/Arti Visivefino al 26 febbraio 2023Una selezione di opere originali e documenti d’archivio per ricordare il 50° anniversario della Galleria Schema (1972 – 1994), originale spazio di ricerca delle neoavanguardie nazionali e internazionali a Firenze, nel centenario di nascita del suo fondatore, l’artista Alberto Moretti (Carmignano, Prato, 1922 – 2012).