Due nuovi vicepresidenti under 40 affiancheranno il presidente Roberto Negrini e l’altra vicepresidente Assunta Astorino alla guida di Legacoop Toscana.

Sono la fiorentina Irene Mangani, 30 anni, che sarà vicepresidente vicaria, e Andrea Passoni, classe 1982, nato a Vimercate ma da anni residente a Firenze. Lo ha deciso la direzione regionale di Legacoop Toscana riunita ieri in videoconferenza.
Con la nomina di Mangani e Passoni si rafforza il percorso di valorizzazione dei giovani e di ricambio generazionale ai vertici del movimento cooperativo toscano aderente a Legacoop, che era tra gli impegni assunti da Negrini in occasione della conferma, un anno fa, alla guida di Legacoop Toscana. Un percorso che include anche la diffusione della cultura cooperativa all’interno delle università, il sostegno alla nascita di start up cooperative innovative e la promozione di un rinnovamento della classe dirigente all’interno delle imprese cooperative stesse.
Tra le cooperative aderenti a Legacoop Toscana (movimento che conta oggi 911 imprese, 1.697.000 soci e 45mila occupati) sono circa 5.000 gli amministratori, il 15% sotto i 40 anni.

Irene Mangani, una laurea in scienze per la pace all’università di Pisa e un master in economia della cooperazione, ha già rivestito importanti incarichi: è vicepresidente della Fondazione Il Cuore si scioglie onlus e dal 2015 è responsabile di Generazioni Legacoop Toscana, il coordinamento regionale dei cooperatori under 40. Responsabile dell’ufficio promozione di Legacoop Toscana, ha curato il bando Smart and Coop lanciato insieme alla Fondazione Cr Firenze.

Andrea Passoni, laureato in flosofia e con un master in economia della cooperazione, ha iniziato a lavorare nel mondo cooperativo nel 2010. È attualmente responsabile dell’ufficio finanza di Legacoop Toscana e del Ctl di Massa Carrara ed è stato responsabile dell’ufficio studi e del comparto industriale del dipartimento produzione e servizi. Dal novembre 2019 è presidente di Finpas, strumento di sistema del movimento cooperativo toscano a supporto delle cooperative nei loro processi di rilancio e sviluppo aziendale. Avrà la delega alla finanza.