Farmaco a gara e la Toscana risparmia 12 milioni all’anno

Premio letterario Raccontami una storia

La Toscana segue il Piemonte e risparmia 12 milioni all’anno. Pagherà meno un farmaco che, poi, è il più impiegato in diverse malattie.  Il Servizio sanitario toscano potrà continuare ad assicurare le cure necessarie ai pazienti, spendendo meno. Il che, in sanità, non è poco.

A meno di 30 giorni dalla perdita del brevetto da parte della specialità medicinale Humira, un farmaco biologico a base di adalimumab, Estar ha infatti effettuato una gara in concorrenza con i farmaci biosimilari nel frattempo autorizzati dal Ministero della salute a essere messi in commercio.

Questo farmaco, che ha numerose indicazioni in ambito reumatologico, dermatologico e in gastroenterologia ed è il più usato in Toscana, ha avuto un fatturato annuo di poco superiore a 23 milioni di euro l’anno.

La gara in concorrenza (arrivata una settimana dopo quella effettuata dalla Regione Piemonte aggregando i consumi di 5 regioni) ha visto una aggiudicazione al biosimilare Imraldi (ovviamente sempre a base di adalimumab con le stesse indicazioni del farmaco originator) a 85 euro (Iva esclusa), con un risparmio complessivo annuale per il SSR della Toscana pari a 11.894.760 euro (Iva esclusa).

«[sg_popup id=”20673″ event=”hover”]Estar[/sg_popup], assieme al settore politiche del farmaco della Regione Toscana – sottolinea Monica Piovi, direttore Estar – contribuisce ancora una volta nel settore degli appalti a sostenere i passi già fatti dalla Toscana nella direzione della riduzione della spesa farmaceutica».

Il risultato eccezionale di questa gara – basti pensare che la rammentata gara della Regione Piemonte per 5 regioni aveva aggiudicato un biosimilare a 146 euro – dà un contributo decisivo per la sostenibilità del Ssr. Gare analoghe consentiranno di garantire a tutti i cittadini che ne avranno bisogno i farmaci innovativi di recente immissione in commercio che hanno costi importanti (basti pensare al piano regionale per la eradicazione della Epatite C e le recenti nuove terapie oncologiche.