20 C
Firenze
23/04/2022
720x70 estra banner

Fondato l’Ordine della Giarrettiera

Il 23 aprile 1344 viene fondato da Edoardo III l’Ordine della Giarrettiera (in inglese “Order of the Garter”) celebre ordine cavalleresco inglese.

Il re inglese Edoardo III, un appassionato di leggende del ciclo arturiano che voleva ricreare una fratellanza di cavalieri equivalente dei Cavalieri della Tavola Rotonda, fondò l’Ordine della Giarrettiera nel periodo della sua rivendicazione al trono di Francia. La data esatta della fondazione è controversa, infatti sebbene l’anno tradizionale di fondazione sia solitamente indicato come il 1348 (quando è stato proclamato formalmente), il The Complete Peerage, un’opera completa e magistrale sull’aristocrazia terriera britannica, alla voce “The Founders of the Order of the Garter“, afferma che l’ordine fu istituito per la prima volta il 23 aprile 1344. Sono state proposte anche altre date dal 1344 al 1351. Il conto del guardaroba del re mostra vesti della Giarrettiera ordinate per la prima volta nell’autunno del 1348. Inoltre, gli statuti originali richiedevano che ogni membro dell’Ordine fosse già un cavaliere (quello che ora sarebbe definito un cavaliere scapolo) e alcuni dei membri iniziali elencati furono nominati cavaliere solo quell’anno. È probabile che la fondazione sia stata ispirata anche dall’Ordine della Banda Spagnola, istituito intorno al 1330.

Edoardo III d’Inghilterra, fondatore dell’Ordine della Giarrettiera, particolare della sua effigie in bronzo nell’Abbazia di Westminster.

La prima menzione scritta dell’Ordine si trova in Tirant lo Blanch, un romanzo cavalleresco scritto in catalano principalmente dal valenciano Joanot Martorell. Fu pubblicato per la prima volta nel 1490. Questo libro dedica un capitolo alla descrizione dell’origine dell’Ordine della Giarrettiera.

Varie leggende tentano di spiegare l’origine dell’Ordine. La più popolare riguarda la “Contessa di Salisbury“, la cui giarrettiera le sarebbe scivolata dalla gamba a un ballo di corte a Calais. Quando i cortigiani circostanti ridacchiarono, il re raccolse la giarrettiera e gliela restituì, esclamando “Honi soit qui mal y pense!” (‘Vergogna a chi ne pensa male!‘), la frase che è diventata il motto dell’Ordine. Tuttavia, la prima versione scritta di questa storia risale al 1460 e sembra essere stata concepita come una spiegazione retrospettiva per l’adozione di quello che allora era visto come un capo di biancheria intima femminile come simbolo di una banda di cavalieri. Infatti, all’epoca dell’istituzione dell’Ordine, a metà del XIV secolo, la giarrettiera era prevalentemente un capo di abbigliamento maschile.

Secondo un’altra leggenda, il re Riccardo I fu ispirato nel XII secolo da San Giorgio Martire mentre combatteva nelle Crociate per legare le giarrettiere alle gambe dei suoi cavalieri, che successivamente vinsero la battaglia. Il re Edoardo avrebbe ricordato l’evento nel XIV secolo quando fondò l’Ordine.

Il motto dell’Ordine della Giarrettiera si riferisce in realtà alla pretesa di Edoardo al trono di Francia, e l’Ordine della Giarrettiera è stato creato anche per aiutare a perseguire questa pretesa. L’uso della giarrettiera come emblema potrebbe derivare da cinghie usate per allacciare l’armatura, e potrebbe essere stato scelto perché conteneva sfumature di una “fascia” affiatata o “legame” di “sostenitori” cavallereschi della causa di Edoardo.

Statuti dell’Ordine della Giarrettiera, questa copia era una volta appartenuta allo zar Alessandro III di Russia.

Esiste una connessione tra l’Ordine della Giarrettiera e il poema inglese medio Sir Gawain e il cavaliere verde (fine del XIV secolo). Il motto è inscritto, come hony soyt qui mal pence, alla fine del testo nell’unico manoscritto superstite della British Library. Nella poesia, una cintura, molto simile nelle sue sfumature erotiche alla giarrettiera, gioca un ruolo di primo piano. Un approssimativo equivalente del motto dell’Ordine è stato identificato nell’esclamazione di Gawain “corsed worth cowarddyse and couetyse boþe” (“maledette siano codardia e brama”). Mentre l’autore di quella poesia rimane controverso, sembra esserci una connessione tra due dei migliori candidati e l’Ordine della Giarrettiera, Giovanni di Gaunt, primo duca di Lancaster, e Enguerrand de Coucy, settimo Sire de Coucy. De Coucy era sposato con la figlia di re Edoardo III, Isabella, e fu ammesso all’Ordine della Giarrettiera il giorno del loro matrimonio.

Subito dopo la fondazione dell’Ordine, delle donne furono nominate “Dame della Giarrettiera”, ma non furono rese compagne. Il re Enrico VII interruppe la pratica nel 1488; sua madre, Margaret Beaufort, fu l’ultima Dama della Giarrettiera prima della regina Alexandra. Fatta eccezione per le donne sovrane, la successiva Dama della Giarrettiera fu la Regina Alexandra, dal marito Re Edoardo VII. Re Giorgio V fece anche la sua consorte, la regina Maria, una Dama della Giarrettiera e il re Giorgio VI successivamente fece lo stesso per sua moglie, la regina Elisabetta. Per tutto il XX secolo, le donne continuarono a essere associate all’Ordine, ma ad eccezione delle monarche straniere, non furono fatte compagne. Nel 1987, tuttavia, divenne possibile installare “Ladies Companion of the Garter (“Dame Compagne della Giarrettiera) con uno statuto della regina Elisabetta II.

Alla fondazione dell’Ordine della Giarrettiera, 26 “poveri cavalieri” furono nominati e annessi all’Ordine e alla sua cappella. Questo numero non è stato sempre mantenuto e nel XVII secolo c’erano solo tredici di questi cavalieri. Re Carlo II aumentò il numero a 18 (in gran parte a causa dei fondi stanziati dal testamento di Sir Francis Crane) dopo la sua incoronazione nel 1660. Dopo che i cavalieri si opposero a essere definiti “poveri“, il re Guglielmo IV li rinominò nel XIX secolo come Cavalieri militari di Windsor.

Immagine d’apertura: simbolo dell’Ordine della Giarrettiera ricamato sulla spalla sinistra del mantello di velluto blu di un cavaliere

Mantello e cappello dell’Ordine

Bibliografia e fonti varie