Arriva la prima ondata di caldo, con temperature vicine ai 40 gradi e in qualche caso anche superiori. La fase delle perturbazioni veloci, con annessi temporali, è superata e l’estate, da mite salvo qualche eccezione, si farà rovente. Caldo africano al via e largo al rifiugio in piscina, in montagna o al mare. Sempre che ci si possa permettere.

Questa prima ondata di caldo africano sarà intensa anche al nord e il termometro raggiungerà quota 40 al centro sud. Andrea Vuolo di 3bmeteo.com è chiaro: «Da lunedì e per gran parte della settimana intensa ondata di caldo sull’Italia, la prima della stagione al nord, ma rischio per forti temporali su Alpi e Prealpi».

Caldo intenso sull'Italia con l'anticiclone africano
Caldo intenso durante la prossima settimana

Ondata di caldo imminente con picchi di 40°

«Dopo una prima parte di estate insolitamente fresca e piuttosto dinamica sull’Italia, con frequenti fasi piovose e temporalesche e a tratti anche con temperature sotto le medie, a partire da lunedì – e almeno fin verso l’inizio di agosto – l’anticiclone subtropicale tornerà a rinforzarsi sul Mediterraneo, determinando un’intensa ondata di calore sulla nostra Penisola che questa volta coinvolgerà in maniera diretta anche le regioni del nord».
«L’anticiclone nord-africano causerà un deciso aumento delle temperature soprattutto intorno a metà settimana, dove è probabile attendersi picchi di 38-40°C sulle aree del centro sud e fino a 34-36°C sulla bassa Val Padana, con zero termico in risalita fin sui 4.500 metri di quota sull’arco alpino», aggiunge il metereologo di 3bmeteo.com.

Non solo caldo ma anche afa

Purtroppo il caldo sarà acuito anche dalla sensazione di afa che tenderà via via ad aumentare soprattutto lungo le coste e sulla Pianura Padana, oltre che nelle grandi città, anche nelle ore notturne, dove le temperature minime faticheranno a scendere al di sotto dei 20-22°C.

Si salvano su Alpi e Prealpi, sull’Appennino solo qualche nube

«Nonostante il dominio anticiclonico che contraddistinguerà la settimana entrante, sarà possibile la formazione di consueti temporali di calore su Alpi e Prealpi intorno a metà della settimana, anche in virtù del transito di qualche modesto fronte instabile di origine atlantica a nord delle Alpi – avverte il meteorologo Andrea Vuolo di 3bmeteo.com – Infatti, il contrasto con la massa d’aria molto calda di origine subtropicale con quella più fresca e instabile di origine atlantica che – ad intermittenza – sfiorerà le Alpi centro-occidentali, potrà causare l’innesco di fenomeni temporaleschi anche piuttosto intensi da martedì sera a giovedì, specie su Valle d’Aosta, Piemonte, alta Lombardia e Trentino Alto Adige, con locali sconfinamenti anche sulle vicine aree pianeggianti del nord ovest. Altrove caldo intenso e tempo stabile e ben soleggiato, salvo innocui addensamenti cumuliformi nelle ore pomeridiane sull’Appennino settentrionale».

I temporali torneranno (forse) a inizio agosto

«L’anticiclone subtropicale potrebbe poi subire un duro colpo nei primi giorni di agosto, quando una perturbazione in discesa dal Centro Europa, secondo gli ultimi aggiornamenti modellistici, raggiungerà il Nord Italia e parte delle regioni del Centro, causando il passaggio di rovesci e temporali anche forti, insieme ad un repentino brusco calo termico con la definitiva conclusione dell’intensa ondata di calore. Ancora stabilità e caldo prevalente al Sud, pur con tendenza ad un aumento dell’instabilità atmosferica sulle aree appenniniche», conclude il meteorologo Andrea Vuolo da 3bmeteo.com.