Nel pomeriggio di ieri, la Polizia di Stato di Prato ha tratto in arresto un noto pregiudicato italiano L.C. A., di 33 anni, in esecuzione dell’ordinanza di aggravamento della misura cautelare cui era in precedenza sottoposto (obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria).
La stessa polizia ha diffuso la foto (qui sopra) dell’arrestato al fine di consentire il riconoscimento da parte delle vittime o testimoni che hanno assistito alla perpetrazione di fatti criminosi analoghi a quelli per quali è stato arrestato.

L’aggravamento della misura cautelare è stato disposto dall’Autorità Giudiziaria a carico del predetto, in quanto il soggetto, da attività investigativa espletata da questa Squadra Mobile, è ritenuto responsabile di numerosi reati contro il patrimonio, in danno soprattutto di esercizi commerciali di questo capoluogo tra i quali si annovera quello perpetrato il 2 luglio u.s. in via F. Strozzi ai danni di un ristorante e quello accaduto il 29 luglio u.s. ai danni di un bar ubicato in questo viale Galilei. Il trentatreenne, come detto sino ad ora gravato dalla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, è stato oggetto di numerosi controlli da parte delle pattuglie della Polizia di Stato, specie in contesti residenziali ed in orari notturni, venendo in diverse circostanze colto in possesso armi od oggetti atti allo scasso e quindi sospettato del compimento di delitti contro il patrimonio perpetrati con modalità violente, quali “spaccate” ai danni di esercizi commerciali.
L’arrestato è stato pertanto associato presso la locale Casa Circondariale, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.