16.4 C
Firenze
01/05/2022
banner scelta green 300x250

Prima Esposizione Universale

Il primo maggio 1851 apre a Londra ad Hyde Park nell’appositamente costruito Crystal Palace (Palazzo di Cristallo) la Grande esposizione delle opere dell’industria di tutte le Nazioni (in inglese Great Exhibition of the Works of Industry of All Nations), la prima Esposizione Universale.

La regina Vittoria apre l’Esposizione al Crystal Palace di Hyde Park, Londra, nel 1851

La Great Exhibition of the Works of Industry of All Nations è stata organizzata da Prince Albert, Henry Cole, Francis Henry, George Wallis, Charles Dilke e altri membri della Royal Society for the Encouragement of Arts, Manufactures and Commerce come celebrazione della tecnologia industriale e del design moderno. Fu probabilmente una risposta all’efficace Esposizione industriale francese del 1844: in effetti, il suo motivo principale era per la Gran Bretagna di rendere “chiaro al mondo il suo ruolo di leader industriale“. Il principe Albert, consorte della regina Vittoria, era un entusiasta promotore della mostra di autofinanziamento; il governo fu convinto a formare la Commissione Reale per l’Esposizione del 1851 per stabilire la fattibilità di ospitare una simile mostra. La regina Vittoria e la sua famiglia hanno visitato l’Esposizione tre volte. Sebbene la Grande Esposizione fosse una piattaforma su cui i paesi di tutto il mondo potevano mostrare i loro risultati, la Gran Bretagna ha cercato di dimostrare la propria superiorità. Le mostre britanniche alla Great Exhibition “primeggiavano in quasi tutti i campi in cui erano coinvolti forza, durata, utilità e qualità, sia nel ferro e nell’acciaio, nei macchinari o nei tessuti.” La Gran Bretagna voleva anche cercare di fornire al mondo la speranza di un futuro migliore. L’Europa aveva appena attraversato “due difficili decenni di sconvolgimenti politici e sociali” e ora la Gran Bretagna sperava di dimostrare che la tecnologia, in particolare la sua, era la chiave per un futuro migliore. Nel viale centrale si rivelavano le priorità degli organizzatori, che generalmente collocavano l’arte o le materie prime coloniali nel luogo più prestigioso. La tecnologia e le macchine in movimento erano popolari, soprattutto le mostre di lavoro. I visitatori “potevano osservare l’intero processo di produzione del cotone, dalla filatura alla stoffa finita. Gli strumenti scientifici sono stati trovati nella classe X e includevano telegrafi elettrici, microscopi, pompe ad aria e barometri, nonché strumenti musicali, orologici e chirurgici.

Un edificio speciale, soprannominato The Crystal Palace (in italiano Palazzo di Cristallo), o “The Great Shalimar”, è stato costruito per ospitare l’Esposizione. È stato progettato da Joseph Paxton con il supporto dell’ingegnere strutturale Charles Fox, ed è passato dalla sua pianificazione all’inaugurazione in soli nove mesi. L’edificio era architettonicamente audace, attingendo all’esperienza di Paxton nella progettazione di serre per il sesto duca di Devonshire. Ha preso la forma di una massiccia casa di vetro, lunga circa 563 metri e larga circa 138 metri ed è stata costruita con componenti in ghisa e vetro prodotti quasi esclusivamente a Birmingham e Smethwick.

Dall’interno, le grandi dimensioni dell’edificio sono state enfatizzate con alberi e statue; questo è servito non solo ad aggiungere bellezza allo spettacolo, ma anche a dimostrare il trionfo dell’uomo sulla natura. Il Crystal Palace è stato un enorme successo, considerato una meraviglia architettonica, ma anche un trionfo ingegneristico che ha dimostrato l’importanza della stessa esposizione. L’edificio fu successivamente spostato e ricostruito nel 1854 in forma ingrandita a Sydenham Hill, nel sud di Londra, un’area che fu ribattezzata Crystal Palace. Fu distrutta da un incendio il 30 novembre 1936.

Interno dell’esposizione

Sei milioni di persone, equivalenti a un terzo dell’intera popolazione della Gran Bretagna all’epoca, hanno visitato la Grande Esposizione. La presenza media giornaliera è stata di 42.831 con un picco di 109.915 il 7 ottobre. L’evento ha generato un surplus di 186.000 di sterline ( 18.370.000 di sterline nel 2015), che è stato utilizzato per fondare il Victoria and Albert Museum, il Science Museum e il Natural History Museum. Sono stati tutti costruiti nell’area a sud della mostra, soprannominata Albertopolis, accanto all’Istituto Imperiale. Il restante surplus è stato utilizzato per creare un fondo educativo per fornire borse di studio e borse di studio per la ricerca industriale; continua a farlo ancora oggi.

La mostra ha causato polemiche all’avvicinarsi della sua apertura. Alcuni conservatori temevano che la massa di visitatori potesse diventare una folla rivoluzionaria. Il re di origine inglese Ernest Augustus I di Hannover, poco prima della sua morte, scrisse a Lord Strangford a riguardo:

La follia e l’assurdità della Regina nel permettere questo imbroglio deve colpire ogni mente sensibile e benpensante, e sono sbalordito che i ministri stessi non insistano sul fatto che lei vada almeno a Osborne durante l’Esposizione, poiché nessun essere umano può rispondere di cosa può accadere in occasione. L’idea … deve scioccare ogni inglese onesto e ben intenzionato. Ma sembra che tutto stia cospirando per abbassarci agli occhi dell’Europa.”

I prezzi di ingresso al Crystal Palace variavano in base alla data della visita, con i prezzi dei biglietti che diminuivano mentre la stagione parlamentare volgeva al termine e Londra tradizionalmente si svuotava delle persone più benestanti. I prezzi variavano da tre ghinee (300 sterline nel 2015) (due ghinee per una donna) per un abbonamento stagionale, o 1 sterlina al giorno (solo per i primi due giorni), per poi ridursi a cinque scellini al giorno (fino al 22 Maggio). Il prezzo d’ingresso è stato poi ulteriormente ridotto a uno scellino (5 sterline nel 2015), al giorno – tranne il venerdì, quando era fissato a due scellini e sei pence e il sabato quando rimaneva a cinque scellini. Il biglietto da uno scellino si è rivelato di maggior successo tra le classi industriali, con quattro milioni e mezzo di scellini (22.000.000 di sterline nel 2015) pagati dai partecipanti in questo modo. Duemilacinquecento biglietti furono stampati per il giorno di apertura, furono tutti acquistati.

Per attirare i futuri clienti delle classi lavoratrici, le ferrovie di recente espansione offrivano biglietti molto scontati per le persone che viaggiavano da parti lontane del paese e venivano offerte tariffe speciali alle feste, spesso guidate dal vicario locale. Quelli troppo poveri per viaggiare stavano allineati ai binari per guardare i lunghi treni a vapore con le carrozze aperte mentre passavano.

Immagine d’apertura: Incisione con vista dalla Knightsbridge Road del Crystal Palace ad Hyde Park per la Grand International Exhibition del 1851. Dedicata ai Royal Commissioners., Londra: Read & Co. Engravers & Printers, 1851.

Bibliografia e altre fonti

Articolo precedenteLa casa sul Poggio