Home Notizie Sport SESTO POSTO PER L’AZZURRA ROGORA IN FINALE DI COPPA DEL MONDO LEAD IN SLOVENIA

SESTO POSTO PER L’AZZURRA ROGORA IN FINALE DI COPPA DEL MONDO LEAD IN SLOVENIA

0
SESTO POSTO PER L’AZZURRA ROGORA IN FINALE DI COPPA DEL MONDO LEAD IN SLOVENIA

Si è appena conclusa la 5° prova di Coppa del Mondo Lead presso il Climbing Center di Capodistria in Slovenia.

Laura Rogora (Fiamme Oro Moena) col 4° posto in qualifica ha conquistato la semifinale, dove ha ottenuto un ottimo 6° posto e si è guadagnata l’ennesima finale in Coppa del Mondo della sua carriera. Quest’anno la nostra campionessa Rogora è rientrata un po’ in salita da un infortunio, ma ora sta tornando in forma, e lo ha dimostrato conquistando la finale mondiale di Berna.

In finale effettua una buona prestazione (33+) e si piazza al 6° posto.

Di fronte alla standing ovation del pubblico di casa dopo il suo top sale sul podio l’inarrestabile Janja Garnbret, conquistando il 73° oro della sua carriera. La Garnbret si conferma come l’atleta più forte e completa del panorama sportivo dell’arrampicata mondiale, Vicecampionessa del Mondo Lead, con in tasca già il pass per le Olimpiadi di Parigi conquistato con l’oro in combinata a Berna.

Argento per la giapponese Ai Mori, Campionessa del Mondo in carica e anche lei già qualificata per le Olimpiadi di Parigi col terzo posto in combinata ai Mondiali di Berna.

Bronzo per l’altra slovena Vita Lukan, sostenuta a gran voce durante la sua gara dal pubblico di casa.

Le climber azzurre Ilaria Scolaris (ASD Palavela), Claudia Ghisolfi (Fiamme Oro Moena) e Giorgia Tesio (Centro Sportivo Esercito) si fermano in qualifica al 36°, 41° e 56° posto.

Nel comparto maschile Stefano Ghisolfi (Fiamme Oro Moena) e Marcello Bombardi (Centro Sportivo Esercito) in qualifica si piazzano al 14° e 22° posto, conquistando la semifinale. 

In semifinale si piazzano rispettivamente 19° e 23°, non riuscendo purtroppo ad accedere alla finale.

Vince la competizione il fenomeno giapponese Sorato Anraku, Vicecampione del mondo Lead. Questo sedicenne dalla tecnica impressionante è l’unico ad arrivare al top, conquistando non solo il gradino più alto del podio, ma anche -matematicamente- il titolo di vincitore assoluto della Coppa del Mondo di specialità.

Argento per l’ottima prestazione dell’americano Jesse Grupper e un bronzo parzialmente inaspettato per lo spagnolo Alberto Ginés López.

Gli altri azzurri Michael Piccolruaz (Fiamme Oro Moena), Filip Schenk (Fiamme Oro Moena) e Giorgio Tomatis (Centro Sportivo Esercito) si fermano alle qualifiche col 32°, 34° e 49° posto.

Appuntamento con la sesta e ultima gara di Coppa del Mondo Lead a Wujiang, in Cina, il 23 e 24 settembre.