Prendete il tema dell’emancipazione femminile e del diritto di voto alle donne, un politico antisuffragista, l’ombra dell’anarchia, il discutibile comportamento della polizia di Birmingham, un paio di cadaveri sotterrati in tutta fretta, una vecchia fotografia… e avrete gli ingredienti principali del nuovo romanzo apocrifo, il quarto, di Luca Martinelli dal titolo “Sherlock Holmes e l’enigma del cadavere scomparso”, edito dalla milanese Delosbooks.

La vicenda si svolge nel Maggio 1910. Dopo sei anni di onorata pensione, Sherlock Holmes, in compagnia dell’inseparabile amico dottor Watson, torna sulla scena per indagare su un misterioso caso di omicidio in cui sono coinvolte due suffragette. Le amiche della signorina Jowett sono trattenute in carcere a Birmingham, accusate di aver ucciso un libraio, editore di un foglio politico contrario all’emancipazione femminile, nel corso di una manifestazione per il diritto di voto. Il mistero che la cliente presenta a Sherlock Holmes, però, è singolare: la stampa non ha mai riferito notizie di un omicidio e il cadavere del libraio è scomparso.

Dietro la vicenda c’è aria di complotto politico e il comportamento poco pulito della polizia di Birmingham… Un’indagine ricca di colpi di scena che saprà incollare il lettore fino all’ultima pagina.

Il libro, già disponibile sui siti di vendita online sia nel tradizionale formato cartaceo sia in formato eBook, sarà in libreria da lunedì 5 maggio.