Social Cava

Social Cava (21-23 luglio)

Raccontami una storia premio letterario

Social Cava una rassegna di forum e festa incentrata sulla ‘Solidarietà Senza Frontiere’ si apre il prossimo venerdì 21 luglio all’ex-cava di Bacchereto.

Tre giorni di attività culturali e ricreative, sport popolari, presentazione di libri, mostre, esibizioni teatrali e musicali con molti ospiti.

Animata da associazioni, realtà collettive e artistiche del territorio pratese – impegnate nell’intercultura e nella promozione della convivenza plurale e pacifica – che condividono il percorso dell’assemblea ‘Sulla Stessa Barca’, grazie all’ospitalità della Casa del Popolo di Bacchereto nasce questa manifestazione di cultura e socialità, toccando temi come autodeterminazione, solidarietà, questioni europee e internazionali, diritti umani e disarmo, antifascismo, e tanto altro.

Il titolo dell’edizione sarà infatti oggetto di un forum pomeridiano, sabato alle 17.30, con la partecipazione del referente di Baobab Experience, Andrea Costa, Caterina Guidi ricercatrice all’Istituto Universitario Europeo, e altri soggetti impegnati nel campo dei diritti umani. Sempre sabato ci sarà modo di discutere della situazione politica ed economica nell’Unione Europea con “La Gabbia dei Trattati”, grazie alla partecipazione di Matteo Bortolon ed Enrico Calossi.

Domenica invece l’attenzione si sposta sui balcani, con il forum curato da Fabio Bracci a 25 anni dalla disgregazione dell’ex-Yugoslavia, e poi ancora un’attenzione particolare all’impegno antimafia, con la presentazione del libro “Periferie Terre Forti”.

Un’occasione di confronto sulle diseguaglianze sociali, che costringono giovani, precari, disoccupati e profughi a crescenti condizioni di marginalità. Simili ingiustizie nelle condizioni di vita, salute e lavoro appaiono oggi più il frutto austero di precise politiche europee e nazionali, proprio a scapito di interi settori delle popolazioni, scartati dalla lista dei beneficiari di garanzie o diritti.

Fra le finalità dell’iniziativa anche la condivisione di più esperienze e pratiche di resistenza civile a certe derive e alle ricadute individualiste, competitive e xenofobe, rintracciabili anche nelle recrudescenze dei conflitti sociali e interculturali in città, con la rimonta di un provincialismo intollerante, che confonde diritti per privilegi alimentando guerre fra poveri, fino allo sdoganamento di gruppi nazionalisti, d’ispirazione neofascista.

Le serate saranno animate da spettacoli di magia, esibizioni di AltroTeatro e del ciclo ANNIVERSARI’17 excursus; mentre non manca la parte musicale con vari gruppi di richiamo locale e nazionale, come il trio di musica popolare “De’ Soda Sisters” e il cantautore fra i maggiori esponenti del canto sociale, in bilico fra canzone d’autore e riproposizione dei repertori storici, e già premiato con la Targa Tenco, Alessio Lega.

Durante la manifestazione ci sarà spazio per condividere proposte e progetti in corso, come ad esempio il ‘Coro Internazionale di Prato’ o ancora il concorso ‘Prato Città Aperta’.

Fra i partecipanti alla rassegna alcune delle associazioni promotrici della Festa della Liberazione in piazza dell’Università a Prato, come LeftLab, MeltinPo, Rete degli Studenti Medi di Prato, e con la partecipazione anche di ANPI Prato, LIBERA, Libertà & Giustizia fra gli altri.

La manifestazione, al fresco dell’ex-cava di Bacchereto propone un fitto programma, tutto ad ingresso gratuito, dalle 16.00 forum, mostre e sport popolari, fino alla sera, con un punto ristoro attivo tutti i giorni dalle 20.00.