Luna e Tito Stagno

Tito Stagno, Leonardo e la Luna. Appuntamento a Prato

Raccontami una storia premio letterario

Il genio di Leonardo Da Vinci e l’impresa spaziale dell’Apollo 11. I cinquecento anni dalla morte di Leonardo e i cinquanta dalla passeggiata sulla Luna di Neil Armstrong sono il filo conduttore di Leonardo : Luna = 500 : 50, il progetto del Museo di Scienze Planetarie che gioca, con una straordinaria proporzione sul rapporto fra due innegabili grandezze e che porta a Prato lo spettacolo Luna e dintorni. Il sipario sull’avventura spaziale si alza a Prato domenica 28 aprile alle 17,30 al Teatro Politeama Pratese.
Mattatore il famoso giornalista Tito Stagno, che cinquant’anni fa realizzò la telecronaca diretta RAI dello sbarco sul satellite. Con lui gli spettatori ripercorreranno quei momenti emozionanti, i retroscena e le curiosità che animarono la corsa all’esplorazione del suolo lunare.
Ma non è solo una suggestione di numeri ad aver ispirato al Museo, e alla Fondazione Parsec di cui fa parte, il connubio fra lo scienziato Da Vinci e il satellite della terra sviluppando il progetto sostenuto dalla Regione Toscana.
“Leonardo disegnò più volte la Luna a corredo dei suoi appunti, rappresentandone particolari di una ricchezza e precisione fino ad allora senza precedenti – spiega il direttore del Museo, Marco Morelli, che oggi ha presentato le iniziative del Museo al Teatro Politeama – Dall’intreccio tra la vita di Leonardo e la lunga storia della Luna nasce l’idea di ricordare due eventi certamente lontani nel tempo e sorprendentemente vicini nella memoria”. Alcuni di questi disegni si trovano nel Codice Leicester, protagonista della mostra leonardiana che si è chiusa il 20 gennaio di quest’anno nell’aula Magliabechiana agli Uffizi di Firenze.
In questa cornice il Museo ha organizzato nei mesi scorsi laboratori e conferenze e presenterà proprio in occasione dello spettacolo, una serie di pillole video che raccontano con animazioni e immagini storiche le conquiste del genio leonardesco e quelle, secoli dopo, dell’uomo nello spazio. Due minuti di immagini e parole per raccontare il sogno umano del volo, le scoperte di Leonardo e di Galilei, le leggende e poi la ricerca scientifica sulla Luna e infine la conquista dello spazio, la magica notte d’estate in cui Neil Armstrong, Buzz Aldrin e Michael Collins andarono incontro alla luna. I video didattici, animati da Massimiliano Mati di Tv Prato, media partner del progetto visivo, saranno protagonisti della prima parte dello spettacolo, condotta da Marco Morelli e dalla storica dell’Arte Alessia Cecconi. “Presto disponibili anche on line, i video speriamo potranno diventare uno strumento di diffusione e approfondimento per la scuola”, conclude Morelli.
Lo spettacolo Luna e dintorni è gratuito ma con prenotazione obbligatoria. Il biglietto potrà essere ritirato da oggi e fino al 27 aprile alla biglietteria del Politeama (orari dal martedì al sabato 10.30-12.30/17-19.30). I posti non sono numerati. Info allo 0574 447777 – info@museoscienzeplanetarie.eu.