Una sola Camera di commercio per Prato e per Pistoia

Premio letterario Raccontami una storia

Passo in avanti verso l’accorpamento della Camera di commercio di Prato e di quella di Pistoia. Il consiglio camerale pistoiese ha deliberato, in queste ore, il via libera al processo di aggregazione. Lo annuncia una nota appena diffusa dalla Camera di commercio di Pistoia.
Il Consiglio camerale, riunitosi questa mattina, ha approvato – con la sola astensione del rappresentante del consumatori – l’avvio del percorso che porterà, entro un anno, all’accorpamento con la Camera di Commercio di Prato.
Il percorso, di cui sono stati definiti i principali passaggi, si inquadra nell’operazione di autoriforma del sistema camerale italiano voluto da Unioncamere nazionale ed è coerente con la ratio del disegno di legge delega di riforma della Pubblica Amministrazione attualmente all’esame del Parlamento, precisa la nota.
«Si tratta di un importante segnale politico – commenta il presidente della Camera di commercio pistoiese, Stefano Morandi – che ha visto la piena condivisione del percorso proposto da parte di tutte le categorie economiche rappresentate in Consiglio che, seppure in scadenza di mandato, hanno saputo cogliere le opportunità offerte da un’aggregazione territoriale più ampia mostrando una forte coesione d’intenti».
L’accorpamento delle circoscrizioni delle Camere di Pistoia e Prato – si legge – racchiude in sé concreti elementi di sviluppo dei territori coinvolti in grado di dare impulso a due economie per certi versi complementari, nell’ottica di una piena valorizzazione delle imprese che potranno così sfruttare al meglio le possibili sinergie grazie all’adozione di politiche di intervento di più ampio respiro.
«Il perdurare della crisi economica, prima ancora degli interventi normativi – conclude Morandi – deve spingerci al cambiamento che deve essere visto come fonte di opportunità e non di criticità».