- Pubblicità -Estra bilancio socialeEstra bilancio socialeEstra bilancio sociale

URSS si ritira dalla prima guerra mondiale

Il 3 marzo 1918 la neonata Unione Sovietica firma il trattato di Brest-Litovsk con gli imperi Centrali (Impero tedesco, Austria-Ungheria, Bulgaria e Impero ottomano), ottenendo di ritirarsi dalla prima guerra mondiale in cambio di notevoli concessioni.

Nel 1917, la Germania e la Russia imperiale erano bloccate in una situazione di stallo sul fronte orientale della prima guerra mondiale e l’economia russa era quasi collassata sotto la tensione dello sforzo bellico. Il gran numero di vittime di guerra e la persistente carenza di cibo nei principali centri urbani portarono disordini civili, noti come la Rivoluzione di Febbraio, che costrinsero l’Imperatore, lo Zar Nicola II, ad abdicare. Il governo provvisorio russo che sostituì lo zar all’inizio del 1917 continuò la guerra a fianco delle potenze dell’Intesa Cordiale (Italia, Francia e Gran Bretagna). Il ministro degli Esteri Pavel Milyukov inviò alle potenze dell’Intesa un telegramma, conosciuto come nota Milyukov, dicendo loro che il governo provvisorio avrebbe continuato la guerra con gli stessi obiettivi dell’ex impero russo. Al governo provvisorio favorevole alla guerra si oppose l’autoproclamato Soviet dei deputati operai e soldati di Pietrogrado, dominato dai partiti di sinistra. Il suo ordine n. 1 richiedeva un mandato prioritario ai comitati di soldati piuttosto che agli ufficiali dell’esercito. Il Soviet ha iniziato così a formare il proprio apparato paramilitare, le Guardie Rosse, nel marzo 1917.

I diplomatici degli Imperi centrali e della Russia al momento della firma. A sinistra, i rappresentanti degli Imperi centrali: Hakki Pascha (Impero Ottomano), von Merey (Austria-Ungheria), Leopoldo di Baviera ed il generale Hoffmann (Germania), Oberst Gawtschew (Bulgaria). Alla destra del tavolo, la delegazione sovietica: Lev Kamenev, Joffe, Bizenko, l’ammiraglio Altfater.

La guerra continua portò il governo dell’impero tedesco ad accettare un suggerimento di favorire in Russia il Partito comunista di opposizione (bolscevichi), che era fautore del ritiro della Russia dalla guerra. Pertanto, nell’aprile 1917, la Germania aiutò il leader bolscevico Vladimir Lenin e trentuno sostenitori ad arrivare in Russia in un treno sigillato dall’esilio in Svizzera alla stazione Finlandia, a Pietrogrado. Al suo arrivo a Pietrogrado, Lenin proclamò le sue Tesi di aprile, che includevano un appello a trasferire tutto il potere politico ai soviet (consigli) dei lavoratori e dei soldati e un ritiro immediato della Russia dalla guerra. Più o meno nello stesso periodo, gli Stati Uniti entrarono in guerra, potenzialmente spostando l’equilibrio della guerra contro le potenze centrali. Per tutto il 1917, i bolscevichi invocarono il rovesciamento del governo provvisorio e la fine della guerra. In seguito al disastroso fallimento dell’offensiva Kerenskij, la disciplina nell’esercito russo si deteriorò completamente. I soldati disobbedivano agli ordini, spesso sotto l’influenza dell’agitazione bolscevica, e istituivano comitati di soldati per prendere il controllo delle loro unità dopo aver deposto gli ufficiali.

La sconfitta e le continue difficoltà della guerra portarono a rivolte antigovernative a Pietrogrado, le “giornate di luglio” del 1917. Diversi mesi dopo, il 7 novembre (25 ottobre del vecchio calendario giuliano), le guardie rosse presero il Palazzo d’Inverno e arrestarono il governo provvisorio in quella che è conosciuta come la Rivoluzione d’Ottobre.

Una delle principali priorità del nuovo governo sovietico era porre fine alla guerra. L’8 novembre 1917 (26 ottobre 1917 del calendario giuliano) Vladimir Lenin firmò il decreto sulla pace, che fu approvato dal secondo congresso del Soviet dei deputati operai, soldati e contadini. Il decreto invitava “tutte le nazioni belligeranti ei loro governi ad avviare negoziati immediati per la pace” e proponeva un ritiro immediato della Russia dalla prima guerra mondiale. Leon Trotsky fu nominato commissario per gli affari esteri nel nuovo governo bolscevico. In preparazione ai colloqui di pace con i rappresentanti del governo tedesco e dei rappresentanti delle altre potenze centrali, Leon Trotsky nominò il suo buon amico Adolph Joffe a rappresentare i bolscevichi alla conferenza di pace.

Il trattato finale fu firmato dopo due mesi di negoziati e a condizioni particolarmente dure per la Russia sovietica.

Secondo il trattato, l’URSS avrebbe rinunciato a tutti gli impegni della Russia imperiale nei confronti degli alleati e undici nazioni divennero indipendenti dalla Russia nell’Europa orientale e nell’Asia occidentale.

Nel trattato, la Russia inoltre ha ceduto l’egemonia sugli stati baltici alla Germania; questi dovevano quindi diventare stati vassalli tedeschi sotto i principi tedeschi. La Russia cedette anche la sua provincia di Kars Oblast nel Caucaso meridionale all’Impero Ottomano e riconobbe l’indipendenza dell’Ucraina. Secondo lo storico Spencer Tucker, “Lo stato maggiore tedesco aveva formulato termini straordinariamente duri che scioccarono persino il negoziatore tedesco“. Il Congresso della Polonia non era menzionato nel trattato, poiché i tedeschi si rifiutavano di riconoscere l’esistenza di eventuali rappresentanti polacchi, che in svolta ha portato alle proteste polacche. Quando in seguito i tedeschi si lamentarono del fatto che il successivo Trattato di Versailles nell’ovest del 1919 era troppo duro con loro, le potenze alleate risposero che era più benevolo dei termini imposti dal trattato di Brest-Litovsk.

Immagine d’apertura: fotocopia della prima pagina del Trattato di pace di Brest-Litovsk tra Russia sovietica e Germania, Austria-Ungheria, Bulgaria e Turchia, marzo 1918. Da sinistra a destra le colonne sono scritte in: tedesco, ungherese, bulgaro, turco ottomano e russo

Bibliografia: