Firenze spegne le luci di Palazzo Vecchio, Duomo e altri monumenti

Premio letterario Raccontami una storia

Luci spente su Palazzo Vecchio, Torre di Arnolfo, Ponte Vecchio, abbazia di San Miniato al Monte, statua del David al piazzale Michelangelo, Duomo, basilica di Santa Croce. Palazzi e monumenti saranno al buio, domani sera, dalle 20,30 alle 21,30 in occasione dell’Ora della Terra, evento globale del Wwf lanciato per promuovere il risparmio energetico e contrastare i mutamenti climatici. Luci spente anche a Lastra a Signa, Calenzano e Bagno a Ripoli.

Tutti i cittadini sono invitati a partecipare all’evento spegnendo le luci nella propria casa e partecipando alle iniziative legate alla manifestazione. Ognuno potrà organizzare la sua Ora della Terra cenando a lume di candela, facendo una piccola o grande azione di risparmio energetico, andando a vedere Firenze dall’alto con lo spegnimento alle 20,30 dei principali monumenti della città.

L’Ora della Terra prevede una staffetta di spegnimenti di monumenti e siti famosi e di eventi al buio per dire che cambiare si può e si deve. L’obiettivo è fermare la perdita di biodiversità e dimezzare le emissioni di gas serra entro il 2030. Anche quest’anno moltissime le adesioni di città di tutto il mondo.
Evento speciale a Firenze all’Osservatorio di Arcetri, dove sarà possibile osservare la volta celeste con il telescopio, grazie alla collaborazione del Comune di Firenze, dell’Osservatorio Astrofisico di Arcetri e dell’ Associazione astronomica Amici di Arcetri.
Sarà presente un punto informazioni a cura del Comitato oasi Wwf area fiorentina e dello Sportello EcoEquo del Comune di Firenze.
Si potrà inoltre provare la sensazione di quello che sarà il clima del 2030 entrando dentro la Bolla, una struttura pneumatica che ricrea il clima del 2030, e che sarà allestita da Legambiente

L’Ora della Terra, ricorda il Wwf fiorentino, è un intero giorno di «mobilitazione mondiale contro i cambiamenti climatici che stanno minacciando la nostra vita e quella delle altre specie che vivono sulla Terra. Un’ora di buio per un impegno che deve perdurare per tutto l’anno. Un’ora di buio per chiedere ai nostri politici, ma anche alle forze economiche e produttive e ai cittadini tutti, azioni forti e scelte coraggiose per fermare i cambiamenti climatici».